Rubrica Amarcord: Peugeot 205

Peugeot 205

Incominciamo anche questa puntata Amarcord con il classico promemoria: partecipate anche voi a questa piccola macchina del tempo. Inviateci i vostri scatti e i vostri ricordi all’indirizzo suggerimenti@autoblog.it con oggetto email “Rubrica Amarcord”. Non importa marca o modello ma il cuore con il quale scriverete. I migliori saranno pubblicati… Da poco ha debuttato la Peugeot 208, auto innovativa che sicuramente darà del filo da torcere a rivali più blasonate. Nella puntata odierna vi parleremo di una sua antenata, la Peugeot 205.

Le sue origini risalgono al 1977, anno in cui la Casa francese incomincia a pensare alla sostituta della 104. Il nuovo progetto, chiamato M24, doveva dare alla luce una vettura versatile, affidabile ed economica. Il look, inoltre, doveva essere nuovo. Così, il centro stile Peugeot in collaborazione con Pininfarina si mette al lavoro per creare un design moderno e avvincente. Il primo prototipo viene assemblato nel 1981 e dopo ulteriori affinamenti debutta due anni più tardi nelle sue vesti definitive.

La 205, che si sarebbe dovuta chiamare 105, è caratterizzata da linee morbide. Gli elementi estetici di maggior spicco sono rappresentati dalla calandra inclinata all’indietro, composta da listelli orizzontali dello stesso colore della carrozzeria, e dai grandi fari all’anteriore in contrasto con quelli posteriori dalle piccole dimensioni. Al momento del lancio gli allestimenti disponibili sono cinque: base, GL, GR, SR e GT. Indipendentemente dall’allestimento scelto il cruscotto ha una ricca strumentazione che comprende il tachimetro, il contachilometri totale, la spia della riserva, dell’olio, dell’acqua e del freno a mano.

Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205

Meccanicamente parlando, le sospensioni seguono lo schema a ruote indipendenti, con anteriori Mc Pherson e posteriori a bracci longitudinali e barre di torsione. L’impianto frenante è composto da dischi all’anteriore e tamburi al posteriore. Inizialmente la gamma propulsori comprende un 954 cm3 da 45 CV, un 1124 cm3 da 50 CV e un 1360 cm3 da 60 o 80 cavalli. Ai primi due è abbinata una trasmissione manuale a quattro rapporti mentre al motore di maggiore cilindrata è abbinata una trasmissione manuale a cinque rapporti.

1984/1988

Nel 1984 debutta la GTI 1.6 da 105 CV, a cui ben presto si affiancherà la Turbo 16, prodotta in 200 esemplari per ottenere l’omologa al Campionato Mondiale Rally Gruppo B. Sempre nell’84 al Salone di Parigi debuttano la 205 a tre porte e la diesel, mossa da un 1769 cm3 da 60 CV e proposta negli allestimenti GLD, GRD e SRD. Gli allestimenti del tre porte sono invece XE, XL, XR, XT, XLD e XRD.

Il 1986 è l’anno della GTI 1.6 da 115 CV, che prima affianca e poi sostituisce la versione da 105 CV. In contemporanea debuttano anche la Cabriolet (presentata al Salone di Ginevra), disponibile nelle varianti CT 1.4 e CTI 1.6, e la GTI 1.9 (presenta al Salone di Parigi) con i suoi 130 cavalli. Sempre nello stesso anno arriva la 205 Automatic, equipaggiata con un cambio automatico abbinato al motore 1.6 della GTI, depotenziato a 80 CV.

Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205

Nei primi mesi dell’anno successivo entrano in produzione la 205 diesel XTD e la 205 XS. Inoltre, i propulsori della serie X vengono sostituiti dai nuovi motori appartenenti alla serie TU, che hanno la stessa identica cilindrata ma un’erogazione migliore. Sempre nel 1987 nascono la Junior e la Open. La prima utilizza lo stesso motore da 45 CV della XE mentre la seconda adotta quello della versione Automatica, abbinato però a un cambio manuale a cinque rapporti.

Il 1988 è caratterizzato dalla nascita della Rallye, un’auto dall’animo corsaiolo mossa da un 1.3 litri in grado di sviluppare una potenza di 100 cavalli, e della Cabriolet Junior. Quest’ultima, equipaggiata con un 1.4 litri da 65 CV, sostituisce nei listini la CT. Nel 1989, invece, non ci sono grosse novità. Le uniche variazioni riguardano l’incremento di potenza (+5 CV) sui 1.4 da 65 CV e la fine della produzione dell’allestimento XT.

Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205

Il restyling del '90

Dal restyling del 1990 nasce la seconda serie, facilmente riconoscibile grazie ad una moltitudine di particolari rivisti e aggiornati. In seguito a questo “lifting” viene presentata anche la D Turbo, primo modello di 205 ad utilizzare la sovralimentazione, che grazie al turbocompressore riesce a erogare una potenza maggiore rispetto alla versione aspirata arrivando a quota 78 cavalli. L’anno seguente la gamma si amplia con l’introduzione di due novità: la Color Line, disponibile con i motori 1.1 o 1.8 Diesel aspirato, e l’allestimento Gentry disponibile in abbinamento al 1.9 della GTI, depotenziato però a 105 CV.

Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205

Gli ultimi anni

Nel 1992 arriva la Junior Diesel, dotata del classico 1.8 litri aspirato da 60 CV. Inoltre, visto l’imminente entrata in vigore della normativa sull'inquinamneto, vengono riviste le motorizzazioni: la potenza del 1.0 litri aumenta da 45 a 50 CV, il 1.6 litri dell’Automatic aumenta da 80 a 89 CV e viene montato anche sulle GT e XS, il 1.9 litri delle Gentry e CTI diminuisce la propria potenza e passa da 105 a 102 CV mentre il 1.9 litri delle GTI slitta da 130 a 122 CV. Infine il 1.8 diesel aspirato perde la bellezza di un cavallo. Da qui in poi inizia il percorso che porta la 205 sulla via del tramonto, destinata a essere sostituita dalla 206.

Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205

Motorsport

Il debutto nel mondo delle corse avviene nel 1984, anno in cui la 205 Turbo 16 partecipa al Campionato del Mondo Rally nel leggendario Gruppo B. L’auto è mossa dal 1.775 cc quattro cilindri in linea sovralimentato in grado di sviluppare 350 cavalli. La trazione è integrale e il suo peso complessivo è di 960 kg.

Durante la seconda stagione la squadra corse introduce la versione Evolution 2 che oltre ad avere un motore più potente (450 CV) è equipaggiata con appendici aerodinamiche e spoiler di dimensioni generose, per garantire una maggiore trazione. Nello stesso anno la Casa francese vince sette prove mondiali, conquista il suo primo titolo costruttori e il suo pilota Timo Salonen diventa campione del mondo. In seguito alla cancellazione del gruppo B, il team Peugeot Talbot Sport si dedica ai Rally-Raid, con una versione a passo lungo della 205 T16 Chiamata Grand Raid.

Già il primo anno è un successo in quanto l’equipaggio composto dai piloti Ari Vatanen e Juha Kankkunen si aggiudica la Parigi Dakar. Sempre nell’87 vengono iscritte per la prima volta tre vetture alla Pikes Peak, famosa cronoscalata americana, che riusciranno a piazzarsi rispettivamente al secondo, terzo e quarto posto. Bisogna infine ricordare che la 205, con alcune sue versioni, ha preso parte anche al Gruppo A e al Gruppo N.

Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205

=====
Per chi si fosse perso le scorse puntate, abbiamo parlato di:

=====

Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205
Peugeot 205

  • shares
  • Mail
24 commenti Aggiorna
Ordina: