Lotus Elise: i 20 anni in cinque immagini

La sportiva inglese spegne quest'anno 20 candeline e si regala una versione speciale. Noi le rendiamo omaggio in questo modo.

I 20 anni della Lotus Elise

Gli appassionati dalla memoria più allenata ricorderanno che al salone di Francoforte del 1995 vennero presentate le BMW Serie 5 (E39), Mercedes Classe E (W210) e Volvo S40. Alcuni forse ricorderanno la presenza dell’Audi TT concept, ma in pochi associano la rassegna tedesca al lancio della Lotus Elise. Venne lanciata per sostituire un modello caduto in disgrazia (la Elan), che nella sua ultima declinazione aveva la trazione anteriore ed era stata persino venduta con il marchio Kia. Da allora sono trascorsi 20 anni. La Elise nel frattempo è diventata una istituzione, tanto da meritarsi persino un’edizione commemorativa. Noi le rendiamo omaggio in questo modo.

Lotus Elise S1 (1995)

I 20 anni della Lotus Elise

Il nome Elise venne suggerito da Romano Artioli, allora presidente di Bugatti e Lotus, che salutò in questo modo la nascita della nipotina Elisa. La prima versione montava un quattro cilindri 1.8 di provenienza Rover, potente appena 120 CV ma comunque efficacissimo: la roadster pesava infatti 725 chili. L’auto venne disegnata da Julian Thomson e Richard Rackham. E’ lunga 3,72 metri, ha carrozzeria targa e venne in seguito lanciata in allestimento S, con motore da 145 CV.

Lotus Elise S2 (2000)

I 20 anni della Lotus Elise

La seconda versione risale al 2000 ed ottempera alle nuove normative di sicurezza, ragion per cui la massa aumenta fino a circa 800 chili. I tecnici di Hethel modificano anche il corpo vettura e ridisegnato fanali e mascherina. La 111 mantiene il 1.8 Rover, mentre la 111S adotta l’unità con fasatura variabile (160 CV). Entra in gamma la R (192 CV). L’aggiornamento del 2003 introduce novità di carattere estetico e soprattutto il 1.8 Toyota (192 CV), decisamente più affidabile e moderno rispetto al K-Series. Nel 2006 arriva l'unità da 136 CV, mentre la SC sviluppa 212 CV.

Lotus Elise (2010)

I 20 anni della Lotus Elise

Nell’aprile 2010 i tecnici di Hethel ridisegnano i fanali ed introducono una significativa novità tecnica: il motore 1.8 viene sostituito da un più moderno e recente 1.6, omologato Euro 5 e capace di 136 CV. In gamma si trova anche la versione S, con motore sovralimentato da 220 CV. Completa il passaggio 0-100 km/h in 4.6 secondi. Di recente introduzione sono le varianti S Club Racer, S Cup R ed S Cup. Negli scorsi giorni è stata presentata la 20th Anniversary Special Edition.

Lotus Exige

I 20 anni della Lotus Elise

La versione coupé della Elise viene lanciata nel 2000 ed utilizza un motore 1.8 turbo da 179 CV. Pesa circa 900 chili. Si riconosce a livello stilistico per il nuovo kit aerodinamico, composto da spoiler maggiorati e da una vistosa presa d’aria sul tetto. La S1 è disponibile anche in variante più specialistica, con motore 1.8 da 195 CV. Nel 2004 la S2 porta all’esordio il 1.8 Toyota da 193 CV, mentre l’allestimento 240R adotta una versione ulteriormente potenziata del 1.8: il compressore volumetrico sostituisce il turbo e fornisce ulteriori 50 CV (243 CV totali). La Exige guadagna nel 2006 un motore da 223 CV e sei anni dopo arriva anche il V6 da 350 CV, destinato finora alla Evora.

Lotus 340R

I 20 anni della Lotus Elise

Molte variazioni sono state realizzate a partire dalla Lotus Elise: quella elettrica (Tesla Roadster), quella dal passaporto messicano (Mastretta MXT) e persino quella anfibia (Rinspeed sQuba). Noi abbiamo scelto un modello ufficiale, realizzato da Lotus stessa e privo di numerosi pannelli esterni: la 340R pesa 700 chili ed utilizza il motore della Elise (179 CV), scatta da 0 a 100 km/h in 4.4 secondi e vanta un rapporto peso/potenza di appena 3,96 kg/CV. Venne costruita in 340 esemplari.

  • shares
  • Mail