Taxista brandisce una Katana per accaparrarsi una cliente a Roma

Protagonista un taxista romano. La discussione, avvenuta fuori Roma Termini, si è risolta con l'intervento delle forze dell'ordine.

taxi_roma

Taxi Roma - Un vero e proprio caso di concorrenza 'affilata' quella che a Roma, al centro di Roma, si è assistito. Protagonisti due taxisti, uno dei quali infelice protagonista di una minacce al proprio collega. La notizia però non risiede nel seppur brutto gesto, quanto nell'utilizzo di una Katana per avere soddisfazione.

Stazione Termini. All'uscita del terminal la fila di taxi bianchi disposti come da consuetudine. Una turista si è avvicinata a tale fila chiedendo di essere accompagnata all'Aeroporto Leonardo Da Vinci di Fiumicino. Prassi e regole vogliono che il conducente della prima vettura bianca parcheggiata in fila abbia la precedenza e inviti la cliente a salire a bordo. Accade però l'imprevisto. Un secondo taxista si avvicina, cercando di 'soffiare' con prepotenza la cliente e farla salire sulla propria auto.

Inevitabile si scatena il diverbio tra i due colleghi, condito da minacce e insulti. Ovviamente alla fine il primo taxi riesce a far accomodare la donna in macchina. Il taxista della seconda autovettura però non ci sta e improvvisamente apre il proprio portabagagli, tira fuori una katana, si avvicina al finestrino del collega e, brandendo l'arma, cerca 'soddisfazione in singolar tenzone'.

Ovviamente immediata la chiamata alla Polizia da parte di taxista, con la povera cliente terrorizzata, letteralmente scappata dal taxi. Il novello Samurai ovviamente è stato fermato dalla Polizia, con ritiro della patente di guida e sequestro del taxi.

  • shares
  • Mail