Infiniti Q50 Hybrid AWD Sport: prova consumi di 1000 chilometri

Infiniti Q50 Hybrid AWD Sport: abbiamo provato per voi la berlina ibrida di Infiniti. Ecco le nostre impressioni e i consumi rilevati durate il test.

a:2:{s:5:"pages";a:3:{i:1;s:0:"";i:2;s:41:"Infiniti Q50 Hybrid AWD Sport: i consumi ";i:3;s:28:"Infiniti Q50: listino prezzi";}s:7:"content";a:3:{i:1;s:7908:"

Infiniti Q50 Hybrid AWD Sport: prova su strada

Infiniti Q50 Hybrid AWD Sport– Una lussuosa berlina può anche essere divertente e coinvolgente da guidare ? Questa è la prima domanda che mi sono posto quando ho scoperto che avrei trascorso un periodo in compagnia della Q50 Hybrid. Il giorno della presa in consegna, prima di iniziare il test, mi fermo un istante a osservare con cura il design. Linee armoniose, accentuano al punto giusto il lato muscoloso della vettura, trasmettendo una sensazione di imponenza e sportività. Nel complesso si può parlare di un look capace di attirare l’attenzione, senza oltrepassare il sottile confine che porta all’ostentazione.

L’abitacolo è eccezionale. I materiali utilizzati sono di alta qualità e l’attenzione ai dettagli è maniacale. Tutto è curato in maniera impeccabile... tranne la parte alta della consolle. La plastica con cui è realizzata, fin troppo rigida al tatto, non è sicuramente all’altezza dei materiali che la circondano: un peccato. A bordo l’interesse è subito catturato dal doppio display centrale. Lo schermo superiore è dedicato principalmente al navigatore satellitare, mentre sullo schermo inferiore sono invece visualizzati i comandi per i sistemi accessori della vettura e le varie app.

La sensazione è quella di trovarsi di fronte a due schermi nati con tempistiche diverse. Quello superiore abbastanza classico, quello inferiore decisamente “accattivante” ma rivestito da un cristallo che tende a sporcarsi troppo facilmente. Sempre parlando di pannello strumenti, doveroso citare il Drive Mode Selector con le sue cinque modalità: Standard, Sport, Eco, Snow e Personal.

Infiniti Q50 Hybrid AWD Sport: prova su strada

Tanto spazio a disposizione sia per i passeggeri dei sedili anteriori, sia per quanto riguarda i sedili posteriori; anche i più alti trovano posto in maniera confortevole, grazie anche a un passo di 2850 mm. Non così ampia, invece, la capacità del bagagliaio. Il modello in prova, inoltre, è sprovvisto del pulsantino per la chiusura automatica del bagagliaio. Una comodità aggiuntiva, quasi sempre presente su vetture odierne di questa tipologia. In termini di dimensioni la Q50 registra una lunghezza di 4790 mm, una larghezza di 1820 mm e un’altezza di 1455 mm. Conclusa l’analisi “statica” incomincio la prova su strada.

Il 3.5 litri benzina spinge in maniera regolare, e fluida, facendomi dimenticare la massa della vettura. Una guida decisamente rilassata, che ben si sposa con i panni di una berlina di rappresentanza. Quando c’è però da tirare fuori la cavalleria, l’ibrido non si fa pregare. La potenza del motore termico di 302 cavalli abbinata al motore elettrico, in grado di erogare 67 cavalli, porta la Q50 Hybrid a disporre di ben 364 cavalli. Un valore di tutto rispetto, che trova riscontro nella realtà: affondando in modo deciso sul pedale dell’acceleratore ottengo una risposta fulminea, con una progressione verso la parte alta del contagiri a dir poco esorbitante.

Il cambio automatico innesta in modo rapido, e preciso, le sette marce a disposizione. Le sensazioni trasmesse dallo sterzo steer-by-wire sono particolari. Si tratta del primo sterzo elettronico al mondo. Il sistema Direct Adaptive Steering funziona trasferendo elettronicamente l’input del guidatore alle ruote anteriori; un attuatore ad elevata reattività aziona la cremagliera. Eliminando le perdite meccaniche, la risposta dello sterzo risulta più rapida e vengono eliminate le vibrazioni del volante nonostante venga fornito comunque un feedback del fondo stradale.

Infiniti Q50 Hybrid AWD Sport: prova su strada

L’elettronica permette inoltre di impostare in base alle preferenze sia la potenza di sterzata che la risposta, salvando inoltre tutte le impostazioni di ciascun conducente. A seconda del modello, sono disponibili fino a quattro modalità preimpostate, più una modalità personalizzata. Dopo un breve periodo dedicato alla “conoscenza” reciproca devo ammettere che con tale comando mi son trovato veramente bene, in tutte le circostanze. Le sospensioni, rigide al punto giusto, garantiscono il coretto compromesso fra sportività e comodità. Impeccabile il lavoro svolto dalla trazione integrale e dai sistemi elettronici.

Migliorabile la reattività dell’impianto frenante. Seppur sia sempre riuscito a ottenere spazi d’arresto nella norma, l’impianto frenante ha manifestato una certa “sofferenza” durante alcune brusche decelerazioni. Nel complesso la Q50 Hybrid si è rivelata una vettura versatile in grado di adeguarsi, e mettere a proprio agio il conducente, nelle più disparate situazioni. La risposta alla mia domanda iniziale, quindi, non può che essere che affermativa.

Infiniti Q50 Hybrid AWD Sport: prova su strada

Nelle giornate trascose in compagnia della Q50 Hybrid ho avuto modo di testare anche i sofisticati sistemi tecnologici volti a migliorare la vita del conducente come ad esempio l’Active Lane Control, ovvero il sistema di rilevamento dello sconfinamento di corsia. Parlando di elettronica e sicurezza, è doveroso citare anche il Forward Collision Warning per ridurre al minimo i tamponamenti.

Sulla lussuosa vettura viene inoltre offerto il sistema di assistenza intelligente alla frenata (Intelligent Brake Assist Plus), il sistema che gestisce la stabilità laterale (Lateral Stability Enhancement), il controllo dinamico del veicolo (Active Trace Control) e il sistema anticollisione in retromarcia per evitare incidenti in uscita dai parcheggi (Back-up Collision Intervention).

Non manca poi la possibilità di usufruire dell’Around View Monitor con visione a 360°, del sistema ICC (Controllo Intelligente Velocità di Crociera) con funzionalità Full Speed Range, del Distance Control Assist per il mantenimento della distanza dal veicolo che precede, dei dispositivi di segnalazione e d’intervento sull’angolo cieco Blind Spot Warning e Blind Spot Intervention ed infine del sistema di assistenza nella prevenzione delle collisioni frontali Forward Collision Avoidance Assist.

Infiniti Q50 Hybrid AWD Sport: prova su strada

";i:2;s:2111:"

Infiniti Q50 Hybrid AWD Sport: i consumi

Infiniti Q50 Hybrid AWD Sport: prova su strada

Parlando di consumi è doveroso sottolineare che le effettive percorrenze della Infiniti Q50 Hybrid AWD Sport sono fortemente influenzate da numerosi fattori, che incidono in modo decisamente più rilevante rispetto a quanto non facciano su modelli con motorizzazioni convenzionali.

I principali da tenere in considerazione, oltre all’effettivo “lavoro” dell'unità elettrica, sono: la modalità di dosaggio dell’acceleratore/freno e il tragitto che si va a percorrere. Per darvi un’idea di che valori si possono ottenere, però, vi riporto la mia esperienza. A onor di cronaca devo aggiungere che durante il breve test, svoltosi su un percorso che comprende il nostro “tradizionale” mix di strade (70 % in città, 20% in tangenziale/autostrada e il restante 10% in stradine di paese) per le prove consumi, in molte occasioni il mio piede non è stato troppo leggero. Pertanto i valori che vi riporto qui sotto son sicuro che, apportando ulteriori accortezze, si possano migliorare.

Ecco tutti i dati del consumo:

Km – Euro – Euro/litro – Litri – Km/l


    209 – 28 – 1.419 – 19.73 - 10.59


    232- 28.10 – 1.419 - 19.80 – 11.71


    531 – 80.49 – 1.499 – 53.70 - 9.88

Totale: 972 Km con 136.59 euro e un consumo medio di 10.72 km/l.

Infiniti Q50 Hybrid AWD Sport: prova su strada


";i:3;s:204:"

Infiniti Q50: listino prezzi

";}}
  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: