Mercedes festeggia i suoi primi 40 anni in Italia

Un importante traguardo per la filiale italiana del marchio tedesco in un cammino pieno di storia e auto speciali.

40_anni_Mercedes-Benz_Italia_(15)

1.500.000 vetture vendute nel Bel Paese: questo potrebbe essere il dato più importante che quasi ha coinciso con il quarantesimo compleanno della filiale italiana della casa di Stoccarda. Un traguardo non trascurabile in quanto Mercedes si è sempre proposta come marchio premium e che quindi assume una valenza ancora più rimarchevole, testimonianza dell'accurato lavoro svolto dalla compagine italiana. Un lavoro iniziato 40 anni fa a Roma in viale degli Abruzzi, prima di essere spostata nel 1995 in quella attuale di via Bona, a ridosso del Grande Raccordo Anulare. Era un periodo nient'affatto roseo che vedeva ancora presenti gli strascichi della crisi petrolifera.

Inizialmente si occupava solamente di veicoli commerciali ed industriali. Successivamente, i burrascosi cambiamenti di cui si è resa protagonista la società italiana negli anni, hanno accompagnato il via libera alla gamma delle autovetture, con una decisa affermazione negli anni '80, periodo in cui assistiamo alla progressione più importante di Mercedes Italia. Il decennio si chiude con 35.100 vetture, quasi il triplo del precedente: sono ad esempio gli anni delle creazioni stilistiche del designer italiano Bruno Sacco, la W201 e la W124, progenitrici di quelle che in futuro sarebbero state la Classe C e la Classe E. Parallelamente Mercedes, oltre ad affermarsi meramente con le autovetture prodotte, ha adottato anche delle strategie per aumentare la propria visibilità, come la continuazione del rapporto con il Papa e la Città del Vaticano, nonché l'indefesso product placement nel panorama mediatico, come nei film e nelle produzioni televisive.

Anche il biennio 1991/1992 riserva soddisfazioni, subito seguito però da un 1993 che vede un netto segno meno nei bilanci. Le cose poi vanno a migliorare, mietendo successi su successi, fino al record del 2007, con 77.000 auto vendute nel nostro paese, che nel frattempo è diventato il secondo mercato di esportazione dopo gli Stati Uniti. L'anno successivo però una nuova battuta d'arresto riporta gli ordini quasi ai livelli di dieci anni prima. E poi il resto è storia recente, con una lenta e abbastanza costante risalita.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: