Balotelli chiede l'annullamento di 18 multe per eccesso di velocità

Mario Balotelli - L'ex attaccante del Milan, oggi al Liverpool, prova a farsi cancellare diciotto multe per eccesso di velocità. Non gli sarebbero giunte a casa.

2015_mario_balotelli

I legali di Mario Balotelli hanno presentato ricorso al giudice di pace di Bergamo, nel tentativo di veder annullate le diciotto multe elevate per eccesso di velocità al loro assistito fra il 2012 ed il 2013. L’attaccante bresciano, oggi al Liverpool, deve pagare una cifra vicina a 10.000 euro. I fatti sono raccontati da L’Eco di Bergamo e si riferiscono a violazioni smascherate dal sistema Tutor, che ha pizzicato la Ferrari di Supermario per diciotto volte oltre i 130 km/h imposti dal Codice della Strada.

In cinque occasioni Balotelli avrebbe superato di 40 km/h il limite previsto, ma la sua vettura procedeva ad una velocità di molto superiore: i sistemi di rilevamento applicano una tolleranza del 5 per cento, quindi la sua Ferrari viaggiava ad una velocità compresa fra 178 e 200 km/h. Nelle altre quindici occasioni l’eccesso di velocità è di minore entità, compreso fra i 10 ed i 40 km/h. Gli avvocati dell’attaccante contestano la mancata notifica delle multe e ne chiedono l’annullamento. A loro avviso si sarebbe riscontrato un problema con il cambio di residenza – nel gennaio 2013 si completava il suo trasferimento dagli inglesi del Manchester City al Milan –, disguido che gli avrebbe impedito di ricevere a casa le multe.

Balotelli è solo l’ultimo calciatore a dover risolvere problemi legati all’uso di un’automobile. Qualche tempo fa Keita Baldé fini contro uno spartitraffico mentre era al volante della sua Lamborghini, ma è ancor più clamorosa la vicenda di Marco Reus, multato di 540.000 euro perché mai entrato in possesso della patente di guida.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: