Una borsa di studio per gli studenti che raccontano di aver guidato ubriachi

Succede in Colorado, negli Stati Uniti, dove un avvocato promette 1.000 dollari a chi racconta la propria esperienza. I candidati dovranno preparare uno scritto ed informarsi sul tema.

2014_dui_offence

Un avvocato di Colorado Springs (Stati Uniti) vuole coinvolgere le autorità locali in quello che può essere considerato un metodo intelligente ed efficace per sensibilizzare l’opinione dei giovani sul tema della guida sotto l’effetto di alcol o sostanze stupefacenti, promettendo una generosa borsa di studio a chi volesse raccontare in pubblico la propria esperienza. L’idea è maturata grazie all’applicazione di Christian Schwaner, padre di uno studente e definitosi stanco dal rappresentare giovani accusati di DUI (driving under the influence), ovvero il reato del quale vengono accusati gli automobilisti sorpresi a guidare sotto l’influenza di sostanze illecite.

Per questo motivo Schwaner fornirà 1.000 dollari a chi riconosce le proprie colpe e sensibilizza i pari età. A suo dire è fondamentale ammettere il problema ed uno scritto può rivelarsi lo strumento adatto per fronteggiare la debolezza. I candidati dovranno inviare all’avvocato un testo, per mezzo del quale ammettono di aver guidato in condizioni proibite e raccontano i dettagli della vicenda; devono poi compiere ricerche sui reati per DUI, raccogliere informazioni e promettere che non ripeteranno più lo sbaglio.

Nate Reid, portavoce della Colorado State Patrol, ha garantito che lui ed i colleghi forniranno qualunque tipo di supporto ad attività pensate per diminuire il numero di persone che guidano sotto l’effetto di alcol o droghe. Allo stesso tempo Reid consiglia a Schwaner di mettere in contatto il vincitore con i membri dell’associazione Mothers Against Drunk Driving, che lotta contro i reati per DUI ed offre supporto ai famigliari di una persona deceduta in questa guerra. I testi dovranno essere spediti entro il 1 maggio ed il vincitore sarà proclamato il 1 agosto.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail