Chevrolet Volt: i concessionari USA non credono a un incremento delle vendite

Inizio consegne Chevrolet Volt

Secondo un articolo pubblicato ieri da Automotive News, molti concessionari Chevrolet degli Stati Uniti stanno esprimendo perplessità sulle previsioni di vendita formulate da General Motors in merito alla Volt. Venduta in 7671 esemplari nel suo primo anno di commercializzazione, la EREV di Detroit non ha centrato l'obiettivo delle 10.000 unità. Ora i dealer GM, dove i potenziali acquirenti della Volt continuano a latitare, stanno drasticamente rallentando le acquisizioni del modello dalla casa madre.

Per l'area di New York, GM aveva allocato lo scorso mese un totale di 104 esemplari, da distribuire su 14 dealer. Di questo stock, i concessionari hanno acquisito solamente 31 unità, la percentuale più bassa di tutta la gamma Chevrolet nel mese di dicembre. Nella stessa area di New York, per avere un termine di paragone, i dealer hanno acquistato in media il 90% degli esemplari di altri modelli messi a disposizione dal costruttore.

Le cose non vanno diversamente in California, dove la rete di ricarica e la cultura dell'auto ecologica sono più capillarmente diffuse: un noto concessionario del Golden State, che nel 2011 ha venduto dieci esemplari della Volt, non ha acquistato nessuna delle sei unità che GM gli ha proposto per dicembre e gennaio. Il titolare, che ha affermato di aver sempre comprato quasi tutte le auto allocate dalla casa madre, ha definito "una pazzia" l'idea di vendere quel pur piccolo stock in sei mesi: "Non siamo mai andati oltre le due unità in un mese", ha osservato.

Solamente la scorsa settimana, il colosso di Detroit si era visto costretto a rivedere al ribasso le stime di vendita della Volt per il 2012: le previsioni sono così passate da 60.000 unità a livello mondiale e 45.000 negli USA a una cifra non definita se non con la vaga formula di costruirne "quante ne chiederà il mercato". Il taglio di produzione dunque è stato ufficializzato, ma la sua entità rimane tutta da verificare.

La Volt però, non è né sarà l'unica elettrica a soffrire nei prossimi mesi (se non anni): secondo un sondaggio pubblicato da Bloomberg e citato da Jalopnik, la fiducia dei consumatori americani nelle auto elettriche sta gradualmente calando. Raffreddati dai prezzi elevati e dai dubbi sulla loro affidabilità, gli automobilisti stanno perdendo interesse nei modelli "alla spina".

L'indagine fu condotta già nel 2009 e nel 2010: alla sua prima edizione il 48% degli intervistati si era detto "molto" o "estremamente" interessato all'acquisto di un'auto con tecnologia plug-in. Nel 2010 la percentuale era calata al 44% e alla fine dell'anno scorso la quota era scesa in misura analoga, attestandosi al 40%. Il trend proseguirà anche nel 2012?

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: