Una Corvette SR-2 è in vendita a quasi 6 milioni di euro

Corvette SR-2 - Un raro esemplare della prima Corvette da corsa della storia è in vendita per 5.6 milioni di euro.

Corvette SR-2

Corvette SR-2 - La storia della Corvette iniziò negli anni cinquanta sulle strade americane e tra i cordoli delle piste nelle più importanti competizioni internazionali. Chevrolet costruì infatti la prima Corvette nel 1953, affiancandole poi alcuni modelli da competizione pensati per le gare di endurance, come la 12 Ore di Sebring. Proprio per questa gara il primo esemplare della storia Corvette prese il nome di Sebring Racer o Special Racer, con le vetture che venivano chiamate così Corvette SR-2. Proprio una Corvette SR-2 è stata attualmente messa in vendita dal concessionario specializzato in sportive del Cravattino Corvette Mike che proporrà un esemplare della Corvette SR-2 al pubblico durante la Scottsdale Sport & Classic Autocars che si terrà in Arizona dal 12 al 14 gennaio 2015.

Questo esemplare della Corvette SR-2 è il primo dei tre costruiti e rappresenta una pietra miliare per la storia della Crovette essendo la prima vettura da competizione mai prodotta dal marchio americano. Chevrolet negli anni cinquanta aveva infatti intenzione di insidiare i colossi europei del motorsport. Nel maggio del 1956 General Motors decise così di prendere un esemplare della Corvette C1 e trasformarlo in una vera e propria sportiva. Il parabrezza venne sostituito da due cupolini appositamente sagomati ed i fanali vennero eliminati .

A livello tecnico vennero installati dei nuovi freni e delle sospensioni da competizione ma già dalle prime uscite si capì che serviva più potenza ed una drastica riduzione di peso per poter pensare di insidiare le sportive europee. Venne così sostituito il propulsore con un'unità da 331 pollici cubici, 5.4 litri, abbinato ad un cambio a quattro rapporti, mentre il posteriore ricevette la tipica pinna aerodinamica che nascondeva il tappo del serbatoio, con una successiva riduzione del peso di circa 136 chilogrammi.








  • shares
  • Mail