Novità tecniche per la Tesla Roadster

La sportiva californiana viene sottoposta ad un restyling di natura tecnica. Cambiano anche le batterie, ora più capaci e performanti.

2011_tesla_roadster

Tesla raccoglie i suggerimenti forniti dalla Model S ed introduce una serie di modifiche per la Roadster, che riceve in tal modo un pacchetto denominato 3.0 e migliora sotto il profilo del risparmio energetico. La principale modifica riguarda le batterie. Restano ovviamente agli ioni di litio, ma seguono una rinnovata filosofia costruttiva: le vecchie pile – come sottolineato nella nota stampa – erano allo stato dell’arte nel 2008, ma negli ultimi sei anni la tecnologia si è evoluta e garantisce oggi migliori prestazioni.

Le nuove celle immagazzinano il 31% di energia in più rispetto al vecchio pacco batterie, ragion per cui la capacità complessiva aumenta a 70 kWh (a parità di dimensioni). La nuova Tesla Roadster si dimostra anche più efficace sotto il profilo aerodinamico: il coefficiente di penetrazione raggiunge ora lo 0.31, in diminuzione rispetto al valore della versione originale (0.36). Ciò è dovuto ad un nuovo kit carrozzeria. Gli uomini del marchio Tesla hanno modificato anche i pneumatici, dal minor indice di resistenza al rotolamento: questo si riduce a 8.9 kg/tonnellata, valore che si attestava in precedenza ad 11.0 kg/tonnellata.

La sportiva californiana migliora la propria autonomia del 40%-50% e può viaggiare fino a 640 chilometri senza mai fermarsi per caricare le batterie. “Sarà possibile andare da Los Angeles a San Francisco senza fermarsi” ha twittato Elon Musk, fondatore del marchio. Non vengono menzionate le prestazioni, quindi la Roadster dovrebbe accelerare da 0 a 96 km/h in 3.7 secondi. Sarà in consegna da inizio 2015.


  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: