Streaming Video Mirror è lo specchietto retrovisore digitale

Una telecamera in alta definizione riprende quello che avviene dietro l'auto ed invia le immagini ad un display TFT. In questo modo il campo visivo migliora del 300%.

Streaming Video Mirror

La Cadillac CT6 sarà il modello che porterà all’esordio l’inedito Streaming Video Mirror, dispositivo messo a punto dalla casa statunitense e strumento grazie al quale modificare il concetto stesso di specchietto retrovisore. In sostituzione del cristallo è presente uno schermo HD, ampio 1280 per 240 pixel nei due assi e capace di offrire una risoluzione di 171 pixel per pollice. Trasmette quanto raccolto da una telecamera anch’essa in alta definizione, posizionata nel porta-targa.

L’angolo di visuale è piuttosto aperto ed i tecnici hanno montato una focale capace di lavorare con efficacia anche quando la luce ambientale è ridotta, applicando poi un trattamento oleofobico. Lo Streaming Video Mirror migliora il campo visivo del 300% e soprattutto elimina alcune delle criticità presenti sui tradizionali specchietti retrovisori, come i riflessi e gli inevitabili ostacoli: la telecamera non riprende i montanti e le teste dei passeggeri posteriori. Il sistema non resta sempre in funzione e può venir disabilitato alla pressione di un tasto.

L’ammiraglia Cadillac sarà lanciata nel 2015 e andrà a posizionarsi nel segmento F. Il suo stile non trarrà ispirazione dal prototipo Elmiraj – come accennato in precedenza –, ma dovrebbe rappresentare un aggiornamento dei temi presenti sulle Cadillac odierne. La berlina porta all’esordio anche il nuovo codice in materia di nomenclatura: il prefisso CT verrà destinato a tutti i modelli, mentre il numero identifica la posizione e la gerarchia.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: