Ritiro patente a 80 anni: arrivano nuove proposte

Ritiro patante a 80 anni? Tornano ancora una volta le proposte in seguito all'aumento degli incidenti.

Guidatore Anziano

Di certo non è la prima volta che emergono proposte per il ritiro della patente agli anziani con più di 80 anni. Già in passato si era discusso più volte di imporre il ritiro della patente alle persone avanti con l'età che per via dei riflessi non più pronti come una volta potrebbero avere problemi al volante. L'ultima provocazione a riguardo è arrivata dal Comandante della Polizia Locale dell'Aquila che, sulle pagine de il Centro, ha dichiarato:

Fosse per me, affronterei la problematica degli anziani alla guida in un modo semplice: patente ritirata al compimento dell’ottantesimo compleanno. Mi rendo conto che la casistica degli incidenti è la più varia e spesso le distrazioni dei giovani al telefonino o l’abuso di alcol producono danni ben più evidenti. Tuttavia, con l’avanzare degli anni entrano in scena problematiche che non sono affrontate allo stato attuale. Il medico curante può valutare l’idoneità fisica, ma difficilmente riesce a indagare l’aspetto psicologico.

Attualmente la patente deve essere rinnovata una volta ogni dieci anni al di sotto dei 50 anni di età, con la scadenza che si dimezza fino ai 70 anni per poi passare a 3 anni tra i 70 e gli 80 anni, per poi arrivare ad un rinnovo biennale per gli ottantenni. In ogni caso basta presentarsi semplicemente da un medico abilitato per il rinnovo delle patenti. Proprio questo è uno dei punti deboli del sistema: nulla vieta che una persona anziana possa guidare meglio di un giovane o di un guidatore di mezza età come si può vedere sulle strade di tutti i giorni. Oltre a questo il ritiro della patente agli ottantenni priverebbe della libertà di movimento moltissime persone ancora in grado di guidare che non hanno bisogno di aiuto e che usano più per necessità che per piacere le loro automobili.

Tra le nuove proposte fatte dall'Associazione Amici della Polizia Stradale vi sarebbe l'idea di limitare la validità della patente a seconda della zona. Per le persone che abitano in campagna, ad esempio, potrebbe essere consentita la guida in una determinata area, permettendo così di muoversi in contesti ben conosciuti ed in orari ben precisi. Tra le proposte vi sarebbe infatti il divieto di circolazione durante le ore notturne ed in autostrada, una soluzione che potrebbe sembrare interessante, ma che di certo riduce, ma non azzera, il rischio di incidenti.

Alcune ricerche hanno però dimostrato come in Italia, nel 2012, siano calati i decessi alla guida per tutte le varie fasce d'età, escluse le categorie tra gli 80 e gli 84 anni, nel quale il tasso è aumentato dell'11% rispetto all'anno precedente, e dagli 85 agli 89 anni, con un aumento del 25%. Sembra inoltre che la categoria degli over 80 sia tra quelle a maggior rischio incidenti, ma ritirare la patente solo a chi supera una soglia di età sarà veramente una soluzione?

  • shares
  • Mail
21 commenti Aggiorna
Ordina: