Volvo inizia lo sviluppo del suo tre cilindri benzina

Del nuovo motore conosciamo ancora pochi dettagli, ma sappiamo che raggiungerà i 180 CV e che verrà destinato anche alla famiglia 60 (oltre alle future segmento C).

2015_volvo_three_cylinder_engine

DriveE è il nome della strategia a cui Volvo si affida per limitare consumi ed emissioni delle prossime vetture. Il piano si rivela tanto ambizioso quanto vario ed eterogeneo, dal momento che include motori tradizionali, motori sovralimentati con una turbina elettrica ed anche la raffinatissima piattaforma ibrida plug-in della XC90 T8. Rientra nella famiglia DriveE anche il tre cilindri benzina di cui Volvo ha fornito oggi i primissimi dettagli. Questo motore è interamente sviluppato in Svezia e viene descritto con gli aggettivi brillante, compatto e potente.

Il nuovo 3L – di cui non sappiamo ancora la cilindrata – svilupperà una potenza massima di 180 CV e va ritenuto l’unità baricentrica da abbinare alla piattaforma CMA, ma sarà destinato anche alle automobili della linea 60: in questo caso verranno impiegate tecnologie per la sovralimentazione, con l’obiettivo di rispettare i limiti imposti dalla normativa Euro 7. Il prototipo del tre cilindri è già in fase di collaudo. Verrà costruito sulle stesse linee di produzione del 4L.

La piattaforma modulare CMA è sviluppata in joint venture con Geely e verrà destinata a tutte le prossime automobili di segmento medio, ovvero le C30, V40 ed XC40 di prossima generazione. Le date restano per il momento sconosciute. I primi componenti della famiglia Drive-E sono due 4 cilindri, entrambi da 2 litri, disponibili sulla V60: le unità a benzina sono denominate T5 (245 CV) e T6 (306 CV), mentre la variante a gasolio (D4) sviluppa 181 CV e consuma appena 3.8 l/100 km.


  • shares
  • Mail