Tractor Girl è giunta al Polo Sud a bordo di un trattore

La 38enne olandese riuscita a completare la sua straordinaria esperienza: ha raggiunto il Polo Sud a bordo di un trattore. Ora però dovrà tornare indietro, verso l’aeroporto di Novo (in Antartide) da cui è partita.

2014_tractor_girl

Manon Ossevoort ha raggiunto ieri il Polo Sud. L’attrice olandese, 38enne, è giunta a destinazione dopo aver ultimato i 2.350 chilometri che separano l’aeroporto di Novo Base (nella parte orientale dell’Antartide) dall'estremo punto meridionale dell'asse terrestre, guidando un trattore messo a disposizione da un’azienda sua connazionale.

Ossevoort si era messa in marcia lo scorso 26 novembre ed ha raggiunto la sua meta con qualche giorno d’anticipo rispetto alle previsioni, dal momento che pensava di arrivare al Polo Sud non prima del 15 dicembre. Tractor Girl – questo il suo soprannome – dovrà poi riaffrontare i 2.350 chilometri verso il luogo di partenza. La 38enne resterà lontana da casa un massimo di sei settimane ed è stata costretta a guidare in media 12 ore al giorno, nonostante alcune difficoltà le abbiano spesso impedito di mantenere la velocità desiderata: Tractor Girl ha spiegato al Daily Mail che il frangente più complesso del suo percorso è stato quando non è riuscita ad andare più veloce dei 5 km/h, immaginiamo per colpa delle avverse condizioni meteo.

Prima di mettersi in marcia era convinta che ‘dieci chilometri all’ora sarebbero un buon risultato. Quindici all’ora un risultato ottimo, venti straordinario’. La donna ha viaggiato insieme a sette componenti del team di supporto – comprese alcune persone incaricate di girare un documentario – ed ha guidato tutti i giorni per 90/180 chilometri. L’operazione è denominata Antarctica 2, in ricordo della straordinaria impresa compiuta da Sir Edmund Hillary: anch’egli raggiunge il Polo Sud con un trattore, ma nel 1958…

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

38enne olandese vuole raggiunge il Polo Sud a bordo di un trattore

Compiere il giro del mondo è uno fra i sogni che qualunque persona coltiva fin dalla tenera età. E’ un desiderio all’apparenza magari scontato e non originalissimo, che assume però sfumature uniche in relazione alle differenti prerogative di ciascun viaggio: immaginate ad esempio di rimanere in viaggio per 25 anni ed appoggiarvi ad una Mercedes Classe G, oppure di spostarvi da un emisfero all’altro solamente grazie alle vostre gambe. Non siete così avventurosi o disposti al sacrificio? Una delle principali agenzie di viaggio online cinesi ha organizzato tempo fa un itinerario lungo 66 giorni, i cui posti sono andati esauriti in appena 13 secondi (nonostante costassero oltre 100.000 dollari l’uno).

Questi esempi vanno tuttavia considerati piuttosto ordinari. Fuori dal comune è l’impresa a cui si sta dedicando un’attrice olandese, Manon Ossevoort, 38enne, che vuole attraversa il globo a bordo di un trattore! La donna ha reso noti qualche giorno fa i dettagli relativi alla prossima tappa: Ossevoort percorrerà i 2.350 chilometri che separano l’aeroporto di Novo Base (nella parte orientale dell’Antartide) al Polo Sud. L’impresa inizierà oggi e si concluderà il 15 dicembre, ma Tractor Girl – questo il suo soprannome – dovrà poi riaffrontare i 2.350 chilometri verso il luogo di partenza. La 38enne sarà costretta a guidare per 12 ore al giorno e resterà lontana da casa un massimo di sei settimane, durante le quali non vedrà il figlioletto di 10 mesi.

Della vicenda ha parlato qualche giorno fa il Daily Mail. Nell’articolo si legge che la 38enne ha dovuto far modificare il mezzo di trasporto, obbligato a percorre distanze che ovviamente non gli sono familiari: la donna ed i sette componenti del team di supporto – comprese alcune persone incaricate di girare un documentario – saranno costretti a percorrere tutti i giorni dai 90 ai 180 chilometri. “Dieci chilometri all’ora sarebbero un buon risultato – il suo auspicio –. Quindici all’ora un risultato ottimo, venti straordinario”. Ossevoort spera in questo modo di completare il viaggio iniziato nel 2015, quando sempre a bordo di un trattore partì dai Paesi Bassi e raggiunse Città del Capo (Sud Africa), ma in seguito ad alcune complicazioni non riuscì a salpare verso l’Antartide.

L’operazione è denominata Antarctica 2, in ricordo della straordinaria impresa compiuta da Sir Edmund Hillary: anch’egli raggiunge il Polo Sud con un trattore, ma nel 1958… Il trattore di Ossevoort dovrà resistere a temperature che scenderanno al di sotto dei 40°C, alla permanenza in quota a 3.400 metri e alla neve alta e morbida. I test di sviluppo sono stati condotti in Islanda e Francia da un’azienda olandese.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

  • shares
  • Mail