Gemballa cerca compratori per le ultime due Mirage GT

Gemballa deve vendere gli ultimi due esemplari della Mirage GT per completare la serie speciale di 25 unità. Ecco il perché di un recente comunicato stampa.

2014_gemballa_mirage_gt

Non capita spesso che un preparatore si rivolga direttamente al pubblico e chieda aiuto per ultimare una serie limitata. Ed invece Gemballa si trova costretto a pubblicare una nota stampa ed a ‘ricordare’ che sono tutt’oggi in vendita gli ultimi due esemplari della Mirage GT, bolide realizzato su base Porsche Carrera GT e lanciato inizialmente otto anni fa. Gli interessati devono ovviamente sacrificare la propria Carrera GT, ma in cambio riceveranno una sportiva che il managing director Andreas Schwarz descrive in questi termini.

Il valore della Mirage GT è destinato ad aumentare ulteriormente non appena gli ultimi due esemplari verranno consegnati. La Mirage GT è un oggetto destinato solo ai collezionisti, fra cui ad esempio i numerosi reali arabi”. Il tuner non rivela ovviamente quanto costino i due esemplari, ma nel 2007 il calciatore Samuel Eto’o pare abbia speso la bellezza di 230.000 euro per effettuare la conversione – il suo era l’esemplare numero 11.

Questa cifra include un nuovo kit estetico e la completa elaborazione del motore V10 da 5.7 litri, che raggiunge i 670 CV (+58 CV rispetto alla Carrera GT) ed assicura prestazioni entusiasmanti: per lo 0-100 km/h bastano 3.7 secondi e la velocità doppia si raggiunge in 9.7 secondi, mentre a briglie sciolte la Gemballa Mirage GT tocca i 335 km/h. Il tuner di Leonberg troverà comunque non poche difficoltà a piazzare gli ultimi due esemplari. Non perché il kit va ritenuto superato, ma per un fattore di concorrenza interna: fra qualche mese verrà lanciato il pacchetto d’elaborazione rivolto alla Porsche 918 Spyder, anch’esso realizzato in 25 esemplari.


  • shares
  • Mail