J-deite Quarter è il robot transformers che davvero si trasforma in un'automobile

Alcune società giapponesi stanno lavorando ad un robot capace di trasformarsi in automobile. Non resterà un progetto in scala ridotta, ma verrà lanciato anche nelle proporzioni 1:1!

Il 2020 sarà un anno fondamentale per noi amanti delle automobili: non solo perché verranno lanciate le prime vetture a guida autonoma, ma perché in commercio arriverà anche un robot transformer. Sembra la fantasia di alcuni appassionati cresciuti a pane e videogiochi, ma il realtà i lavori sono molto più ben avviati di quanto sembri. E' il progetto (sogno?) a cui si stanno dedicando alcune società giapponesi, che in cinque anni vogliono lanciare sul mercato un robot alto 4.88 metri e capace di trasformarsi in vettura marciante, al cui interno troveranno posto due o più occupanti.

Le aziende coinvolte si chiamano Brave Robotics, Asratec Corp. e Tomy Co. Ltd, mentre la responsabilità dei lavori è affidata a Kenji Ishida e ad Watur Yoshizaki. I due hanno recentemente fornito un’anticipazione del progetto. E’ nato così il robot chiamato J-deite Quarter, alto 1.3 metri e lungo altrettanto, capace di muoversi su ruote alla velocità massima di 10 km/h e di camminare ad un 1 km/h. Il Quarter – così denominato perché è grande un quarto del robot atteso nel 2020 – pesa 35 chili, resta funzionante per un massimo di un’ora (la batteria è da 3 kW) ed introduce il sistema operativo V-Sido OS, configurabile al momento per assegnare al robot solo le funzioni più elementari.

Ishida e Yoshizaki stanno lavorando per introdurre nel 2016 una versione potenziata e più raffinata, grande il doppio, che dovrebbe arrivare nel 2016 e costituirà l’ultimo scoglio prima che i due inizino a lavorare sul robot in scala 1:1. Al momento non si è ancora parlato di un'eventuale produzione, ma non fatichiamo a credere che i due troveranno una schiera di appassionati disponibili a mettere in garage quel robot che desideravano fin dall'infanzia.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: