Renault Megane RS Trophy: la prova su strada

Renault Mégane RS Trophy

I nostri cugini francesi di Autosblog.fr hanno provato la Megane RS Trophy, modello che vanta numerosi aggiornamenti estetici e meccanici rispetto alla Megane RS.

La nuova Megane RS Trophy può sempre contare sul 4 cilindri 2 litri turbo Renault Sport che sale a quota 265 cavalli (15 in più) e 360 Nm di coppia. Il telaio, rigido e sportivo, rimane comunque comodo su tutte le strade e non è mai troppo estremo ed inutilizzabile. L'estetica della Renault Megane RS Trophy è distintiva rispetto alla versione RS stock e comprende numerosi particolari esterni, a partire dai cerchi da 19 pollici, ed interni.

Sicuramente un'auto che, con il listino a partire 35 mila euro, potrebbe insidiare sul mercato francese, rivali come BMW Serie 1 M Coupé ed Audi RS3. Certo, le tedesche vantano prestazioni maggiori, ma a fronte di un investimento di oltre 55 mila euro.

Renault Mégane RS Trophy
Renault Mégane RS Trophy
Renault Mégane RS Trophy
Renault Mégane RS Trophy


Primo approccio: si entra in un nuovo mondo


Renault Mégane RS Trophy

Già all'esterno si assapora la sportività della macchina. Il frontale ha una lama nera lucida nel paraurti sulla quale campeggia in rosso la scritta Trophy. Dietro un estrattore incornicia il terminale centrale dello scarico ed ai lati si possono ammirare i cerchi da 19 pollici neri con bordino rosso e gli adesivi Trophy.

Appena si sale in macchina si percepisce subito una sensazione perfetta di interconnessione con l'auto. I sedili Recaro avvolgenti ed il volante in pelle accolgono il guidatore ed il giallo del contagiri stacca con il resto della plancia dove troviamo particolari in carbonio e targhette Renault Sport.

Renault Mégane RS Trophy
Renault Mégane RS Trophy
Renault Mégane RS Trophy
Renault Mégane RS Trophy

Motore: una bomba


Renault Mégane RS Trophy

265 cavalli e 360 Nm sono il biglietto da visita del 2 litri turbo della Megane RS Trophy. Rispetto alla Megane RS il motore guadagna 15 cavalli e 20 Nm, tutti a disposizione dai 3000 ai 5000 giri grazie all'aumento della pressione del turbo di 0,2 bar fino a quota 2,5. Il motore cambia letteralmente a quota 4000 giri, dove dà il meglio di sé con una spinta continua fino ai 5000 giri.

Paragonato al propulsore della Serie 1 Coupé M, il 2 litri Renault è migliore per quanto riguarda il divertimento su strada, con l'impressione di poter spingere a fondo seconda e terza anche nei passaggi più difficili dove la Serie 1 dovrebbe rallentare. Tuttavia manca il sound di un 5 cilindri ma il piacere di guida è veramente incredibile per un motore a 4 cilindri.

La trasmissione è certamente all'altezza anche se il cambio a 6 marce è un po' troppo duro, ma i rapporti ravvicinati e la precisione di cambiata sono ottimi nonostante la leva del cambio un po' troppo lunga. La sesta marcia è usata solo in circuiti con rettilinei veramente molto lunghi oppure per i viaggi autostradali, con lo scopo di risparmiare carburante. Renault comunica consumi pari a 8,9 litri per 100 km ma durante il test non si è scesi sotto i 10 con un picco massimo di 13,5.

Renault Mégane RS Trophy
Renault Mégane RS Trophy
Renault Mégane RS Trophy
Renault Mégane RS Trophy

Telaio: semplicemente il meglio


Renault Mégane RS Trophy

Il telaio è semplicemente perfetto: preciso, efficiente, sportivo ma utilizzabile perfettamente tutti i giorni. Lodato da Evo, Top Gear e Fifth Gear, il telaio della Megane RS Trophy è rigido quando serve ma non così tanto da diventare scomodo sulle strade sconnesse. Gli ammortizzatori sono sempre progressivi, sia in compressione che in decompressione e permette alla macchina di assecondare tutte le imperfezioni della strada dando comunque un feedback al guidatore.

Il sottosterzo è quasi assente ed appena si dà un filo di gas la macchina esce perfettamente dalla curva continuando per la sua strada per tutta la percorrenza. Lo sterzo è diretto e molto preciso, sensibile ad ogni minima correzione e, quando bisogna frenare, si può contare sui freni a disco ventilati marchiati Brembo, una vera sicurezza. La frenata rimane invariata anche dopo molte sollecitazioni, il pedale non diventa mai spugnoso, nè in salita, nè nelle discese più difficili.

Le gomme Bridgestone Potenza RE050A 235/35 da 19 pollici offrono un grip eccezionale in tutte le condizioni, tirando fuori il massimo dell'auto ad ogni curva. Manca un po' di stabilità in frenata con l'auto che si muove lateralmente nelle staccate più estreme. Probabilmente con gomme più performanti, come ad esempio le Michelin Pilot Sport Cup + questo effetto sarebbe ridotto di molto.

Conclusione: una vera Gordini!


Renault Mégane RS Trophy

Ed ecco il responso finale di Autosblog.fr: il marchio Gordini rispolverato da Renault è apparso su alcune auto ma solo questa meriterebbe il colore blu con le strisce bianche. La Megane RS Trophy è un'auto eccezionale ma non è assolutamente da mettere nelle mani di un principiante. Inoltre il tetto non è verniciato in nero ma ha un adesivo che è inaccettabile per i 35.500 euro del listino. La Megane RS Trophy è quasi all'altezza di BMW Serie 1 M Coupé ed Audi RS3 considerato che il prezzo delle tedesche supera i 55 mila euro, 20 mila in più della francese.

  • shares
  • Mail
36 commenti Aggiorna
Ordina: