Cadillac: torna il Diesel in America ed Europa

Cadillac Diesel

Cadillac potrebbe tornare ad offrire motorizzazioni diesel, sia in Europa che negli Stati Uniti. Escludendo i fallimentari esperimenti dei primi anni '80 con un V8 5,7 litri aspirato realizzato in proprio, le uniche versioni a gasolio del marchio di lusso GM sono state quelle viste in Europa sulla BLS, realizzata su base Saab 9-3 con propulsori Fiat Jtd, Al Salone di Los Angeles, il vice presidente del settore Marketing Cadillac Don Butler ha confermato ad Automotive News la volontà di tornare a proporre versioni a gasolio dei propri modelli. La scelta non è casuale: i concorrenti tedeschi hanno iniziato una massiccia campagna pubblicitaria sulle proprie versioni diesel anche negli States, puntando su efficienza, coppia e piacere di guida, ma allo stesso tempo Cadillac deve pensare alle migliori soluzioni per essere competitiva in Europa, dopo la poco felice esperienza degli anni scorsi con una rete di distribuzione che ha poi fallito gli obiettivi.

Le dichiarazioni di Butler sono molto chiare: non sono ammesse brutte figure e Cadillac è disposta ad avere "il meglio sul mercato", una frase che lascia aperte diverse porte: GM Powertrain ha diverse opzioni già pronte in casa, ma per propulsori più grossi dei soliti 4 cilindri 2 litri potrebbero nascere collaborazioni con fornitori esterni, magari per dei V6 ben più adatti ai modelli top di gamma come la berlina XTS e la Suv SRX, senza "scomodare" i Duramax 6,6 litri diesel normalmente utilizzati sui Pick up Americani. L'ultima ipotesi, forse la più interessante in prospettiva futura, è quella di sfruttare gli studi attualmente in corso nel centro operativo di Torino sulle future versioni diesel hybrid, così da offrire piccoli propulsori endotermici supportati da motori elettrici, con ulteriori ed importanti riduzioni di consumi ed emissioni.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: