Volvo: in arrivo motori puliti ed un nuovo linguaggio stilistico

Nuova Volvo XC90: primi bozzetti ufficiali

Volvo si prepara ad uno storico salto di qualità sotto l'egida di Geely: il marchio svedese punta ad un posizionamento sui mercati internazionali che sia pienamente premium e non near-premium, come viene attualmente definito dagli addetti ai lavori. La volontà della nuova proprietà cinese è quella di investire sui motori ecologici e sulla creazione di un nuovo design identitario per posizionare il brand alla stessa altezza di Audi, BMW e Mercedes.

Nel 2014 da Göteborg arriverà una nuova piattaforma, chiamata SPA e destinata ai modelli di taglia media e grande. Caratterizzata da tecnologie e materiali in grado di contenerne il peso, la SPA ospiterà una nuova generazione di quattro cilindri turbo dalla cubatura inferiore rispetto agli attuali e soprattutto pronti per essere inseriti in meccaniche ibride plug-in.

Queste unità moderne e razionali daranno il benservito ai propulsori a cinque e sei cilindri in linea che attualmente popolano il listino del costruttore scandinavo. Per Volvo, spiega il numero uno Stefan Jacoby, "il lusso non sarà più direttamente proporzionale al frazionamento dei motori". "L'epoca in cui si contavano i cilindri è finita", ha sentenziato il manager in un'intervista rilasciata ad AutoWeek.

Jacoby ha anche confermato che la casa è al lavoro su un motore diesel-ibrido plug-in capace di consumare meno di 2 l/100 km generando quasi 600 Nm di coppia complessiva e percorrendo fino a 50 km in modalità completamente elettrica. La versione di serie di questo propulsore sarà svelata nel mese di gennaio al Salone di Detroit.

Richard Monturo, responsabile marketing del costruttore, spiega. "Saremo indubbiamente un costruttore premium globale. I clienti hanno mostrato di esserer disposti a pagare di più le nostre auto, e se il mercato ci sosterrà, noi riposizioneremo il brand più in alto. Molti nostri clienti sono più che benestanti ma scelgono una forma di lusso più discreto".

A conferma di questa ricerca di sobrietà, Volvo ha mostrato per la prima volta settimana scorsa i bozzetti ufficiali dell'erede dell'XC90, il grande SUV di casa. Durante un evento riservato ai giornalisti americani, la casa ha aperto le porte del suo design studio di Camarillo, California, illustrando agli invitati la nuova direzione intrapresa sul piano dello stile, proprio mediante gli sketch delle future S80 e XC90. Lo sport utility è ormai a sei mesi dal congelamento del design definitivo.

Questi modelli si baseranno proprio sulla già citata architettura SPA (acronimo di Scalable Platform Architecture), che promette di essere un'innovazione straordinaria: secondo Volvo, la nuova piattaforma peserà in media 150 kg in meno rispetto alle proposte della concorrenza. Il suo debutto è atteso sull'XC90, e la sua seconda applicazione arriverà nell'anno successivo, il 2015, sulla riedizione dell'S80.

Il design director dello studio californiano, Chris Benjamin, ha affermato: "Stiamo esplorando tutte le strade possibili: l'architettura SPA ci permetterà di creare carrozzerie con proporzioni più snelle. Il nostro focus non è sulla creazione di un prodotto che sia semplicemente da usare, quanto piuttosto su un qualcosa da mettere al centro di un'esperienza globale.

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: