Le batterie agli ioni di litio sono affidabili? L'NHTSA chiede ulteriori garanzie

batterie Chevrolet Volt

L’ente nazionale per la sicurezza stradale statunitense (NHTSA) ha interpellato le case automobilistiche nelle cui gamme sono presenti vetture con batterie agli ioni di litio, chiedendo loro di svolgere ulteriori controlli circa l’affidabilità degli stessi accumulatori. General Motors, Ford, Nissan e nel prossimo futuro Toyota dovranno quindi fornire nuove garanzie e sostenere la validità di una tecnologia che ha rimpiazzato la meno efficace soluzione nichel-metallo. Tanta premura è causata da un episodio quantomeno sospetto. Ad inizio giugno una Chevrolet Volt ha preso fuoco spontaneamente, 3 settimane dopo un crash test laterale condotto dai tecnici dell’NHTSA. L’episodio assume ancor più rilevanza sapendo che la sfortunata Volt è andata in fiamme proprio nel parcheggio dell’ente, generando così un polverone dalle prevedibili conseguenze.

General Motors, allarmata, si è difesa ripetendo quanto affermato già in passato. “La Volt è un’automobile sicura - recita un comunicato a firma Jim Federico, responsabile GM per i veicoli elettrici -. Stiamo collaborando con i tecnici dell’NHTSA per chiarire l’avvenuto. In ogni caso l’NHTSA ha già riconosciuto che la Volt non è più pericolosa di un’automobile tradizionale”.

Via | Bloomberg

  • shares
  • Mail
21 commenti Aggiorna
Ordina: