Ferrari: un primo semestre 2014 da record

Il mercato americano resta quello principale, tornano a crescere anche le vendite in Italia

Il giorno dopo il ribaltone al vertice, si è tenuto il consiglio d’amministrazione in casa Ferrari, ancora con al comando Luca Cordero di Montezemolo, ed i risultati del primo semestre del 2014 sono da record. La casa di Maranello ha fatturato 1.348,6 milioni di euro, segnando un +14,5%, rispetto allo stesso periodo del 2013, mentre l’utile della gestione ordinaria ha raggiunto i 185 milioni di euro: stabilendo un nuovo primato interno, in entrambi i casi. Mai, nel corso della sua storia, la ‘rossa’ aveva avuto numeri così alti nei primi sei mesi dell’anno.

Leggi anche: ribaltone Ferrari, il commento di Claudio Nobis

Da gennaio a giugno 2014, sono state omologate 3.631 vetture, segnando un 3,6% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, ma c’è da tenere conto dell’uscita di produzione della Ferrari California e delle prime consegne della nuova California T solo in estate. L’Italia torna a far segnare un segno positivo nelle vendite, salendo del 13% rispetto al 2013, anche se il numero totale di vetture (131), segnala come resti un mercato marginale. Numeri ben più importanti per la Gran Bretagna, leader europea, con 408 vetture consegnate.

Il mercato nettamente più importante per la Ferrari, resta quello americano. Sono state, infatti, consegnate 1.062 vetture nel primo semestre 2014, segnando un’ulteriore crescita del 13%. Tra l’altro, si tratta di un anno particolare del rapporto tra Maranello e gli Stati Uniti, visto che si festeggiano i sessant’anni della prima vendita ‘rossa’ negli Usa. E, come già annunciato ieri in conferenza stampa, Montezemolo ha ribadito la produzione di “una vettura speciale in 10 esemplari” esclusivamente per il mercato americano.

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Ferrari

Ferrari viene fondata nel 1947 da Enzo Ferrari, giovane pilota modenese per cui le gare e l’adrenalina rappresentano un elemento caratterizzante della vita. La prima gara [...]

Tutto su Ferrari →