Lancia Voyager: la nostra prova su strada

Lancia Voyager

Nella tattica degli abitacoli la nuova Lancia Voyager si schiera con un inedito 2-2-3, evoluzione del precedente 2-3-2 scelto dalla Chrysler Grand Voyager. Il cambio di “modulo” rappresenta una fra le novità dell’MPV Lancia, evoluzione di un monovolume commercializzato finora in oltre 13 milioni di esemplari, da cui il marchio di Chivasso si attende ancora positivi risultati commerciali: in Europa, una volta a regime, si auspica la vendita di 11.000 esemplari l’anno, 3.500 dei quali in Italia. Numeri ragguardevoli, difficili da contestualizzare senza aver prima comunicato il prezzo d’acquisto: nel nostro paese la Lancia Voyager sarà disponibile a 39.900 euro, cifra impegnativa ma sufficiente per acquistare una vettura equipaggiata anche con accessori secondari.

Il cambio di casacca prevede modifiche alla carrozzeria e in misura più contenuta all’abitacolo, cui è ancora riconducibile un profumo d’America che solo in pochi apprezzeranno. La Voyager misura ben 5.21 metri in lunghezza, 1.99 metri in larghezza e 1.75 in altezza, ovvero 8 centimetri in più da un paraurti all’altro rispetto alla già abbondante Grand Voyager. In Lancia hanno quindi modificato il disegno dei paraurti (ora sono più sporgenti), ristilizzato la griglia anteriore e introdotto nuove luci a LED. Il corpo vettura si caratterizza inoltre per i numerosi elementi dalla finitura specchio, alcuni dei quali piuttosto eccessivi (gli specchietti, il listello lungo la fiancata), mentre il disegno dei gruppi ottici posteriore è leggermente rinnovato. Nel complesso la Voyager è un’auto appariscente, vistosa, troppo imponente e “fuori scala” per non suscitare curiosità.

Lancia Voyager
Lancia Voyager
Lancia Voyager 2011
Lancia Voyager 2011
Lancia Voyager 2011
Lancia Voyager 2011
Lancia Voyager 2011
Lancia Voyager 2011

SPAZIO INTERNO DA MONOLOCALE. BAULE ENORME ANCHE IN SETTE

Lancia Voyager 2011

L’abitacolo della monovolume Lancia è talmente voluminoso da suscitare quantomeno un po’ di sorpresa, per via delle ampie superfici vetrate e di un’ariosità sconosciuta alle automobili tradizionali: sembra di viaggiare all’interno di un pulmino, meno spartano e ancor più vivibile. Comodo il sistema automatico che gestisce apertura e chiusura delle portiere scorrevoli, mentre il portellone (anch’esso automatizzato) può essere chiuso tramite un bottone posizionato nel baule. L'inedita disposizione 2-2-3 permette agli occupanti posteriori di ritagliarsi un’”isola” di comfort e tranquillità, visto che le interferenze fra gomiti e ginocchia sono inesistenti nella fila centrale e appena fastidiose nella terza fila. Il settore “finale” dell’abitacolo mette a disposizione centimetri in abbondanza per ginocchia e testa, mentre le spalle si urtano quando sono presenti tre passeggeri. La climatizzazione è tri-zona ed in opzione è possibile ordinare il sistema d’intrattenimento con doppio monitor LCD sull’imperiale.

Merita un paragrafo anche l’innovativo Stow’n Go, ovvero un meccanismo per ripiegare i sedili e nasconderli all’interno di appositi vani sotto il pavimento dell’abitacolo. Bastano una mano e pochi movimenti per creare un vano bagagli piatto e lineare, da ben 4.000 litri (943 con tutti i sedili in posizione), senza la fatica nel rimuove ogni volta i sedili non utilizzati. Lo spazio abbonda anche per i passeggeri anteriori, soprattutto grazie alla scelta di posizionare la leva del cambio sul piantone. Plastiche e materiali utilizzati per l’abitacolo sono di qualità “americana”, quindi duri e poco piacevoli al tatto, anche se gli accoppiamenti non mostrano alcuna sbavatura.

Lancia Voyager
Lancia Voyager
Lancia Voyager
Lancia Voyager

MOTORE ONESTO. FRENATA INCISIVA

Lancia Voyager 2011

Il quattro cilindri 2.8 a gasolio eroga 163 CV e 360 Nm di coppia, valori sotto media e all’apparenza miseri per muovere un colosso da oltre 2.3 tonnellate. Eppure questo motore si rivela adatto per le esigenze del Voyager: non è cattivo ma regolare, pastoso, molto fluido, insensibile ad una maggiore pressione sul gas perché proprio “non ne ha”. Obbliga quindi a mantenere un passo costante, senza troppe accelerazioni, anche per non allontanarsi dalle percorrenze dichiarate (12,7 km/litro). Il cambio automatico a sei rapporti si rivela decisamente pigro e lento, tanto nel salire di rapporto quanto in scalata. Ottimo invece l’impianto frenante, che garantisce spazi d’arresto contenuti (in relazione al peso) ed una risposta incisiva.

Lancia Voyager 2011
Lancia Voyager 2011
Lancia Voyager 2011
Lancia Voyager 2011

PREZZI E DOTAZIONE

Lancia Voyager 2011

In attesa del listino completo, Lancia ha reso noto che il Voyager “base” viene offerto a partire da 39.900 euro. Da valutare l’equipaggiamento, ma la dotazione prevede sei airbag, climatizzatore trizona e vetri oscurati, mentre il navigatore satellitare e l’impianto d’intrattenimento con lettore DVD e due schermi sono optional da circa 1.500 e 2.000 euro.

Lancia Voyager 2011
Lancia Voyager 2011
Lancia Voyager 2011
Lancia Voyager 2011

  • shares
  • Mail
65 commenti Aggiorna
Ordina: