Uber: la corsa più economica è da soli 4.28 dollari (e 25 metri)

A Houston un cliente di Uber spende 4.28 dollari per percorrere la bellezza di 25 metri! Aveva bevuto troppo... Rischiano invece di rimanere a bocca asciutta i taxisti di Seoul.

cheapest_trip_on_uber

Un cittadino di Houston ha pubblicato su Reddit l’immagine di quella che può essere considerata la più inutile e dispendiosa corsa su una vettura della flotta Uber: uhcougars1151 è stato trasportato dalla birreria The Dogwood allo Shot Bar, per una distanza complessiva di ben 25 metri (82 piedi)! Il viaggio è costato 4.28 dollari ed ha richiesto pochi secondi, in quanto i due locali sono letteralmente l’uno dietro l’altro. L’utente del sito ha giustificato la prestazione ammettendo di aver bevuto troppo…

Leggi anche: a Washington un cliente di Uber viene coinvolto in un inseguimento

Nel frattempo non si arginano le proteste contro l’ormai popolarissima applicazione per smartphone, utile per prenotare taxi e vetture con conducente senza affidarsi ai canali classici. L’ultima nazione ad aver dichiarato guerra ad Uber è la Corea del Sud. Kim Kyung-ho, a capo del dipartimento dei Trasporti nella città di Seoul, ha accusato il servizio di danneggiare i taxisti ed ha alluso ad una serie di presunte violazioni.

Approfondisci: cos'è Uber e la posizione dei taxisti milanesi

Kyung-ho si è poi sbilanciato ed ha accennato ad una possibile applicazione concorrente, riservata ovviamente ai professionisti con licenza e soluzione di cui già si discute ad Hong Kong. Forbes cita però una fonte coreana vicina ad Uber, che punta il dito contro la mentalità del paese orientale e rivela che

La Corea del Sud annuncia di voler inseguire l’economia dell’high tech, basata sugli smartphone. In realtà il sistema legale e la mentalità comune non sono altrettanto moderni. L’esempio di Uber è indicativo. Immaginate una nazione i cui governanti annunciano a parole di voler creare un’economica creativa. Questa nazione però manda via le principali aziende che realmente si occupano di economia creativa e le rimpiazza con surrogativi filo-governativi. E’ una situazione che fa ridere.

  • shares
  • Mail