Nel garage di James Glickenhaus

James Glickenhaus apre le porte del suo garage e ci giuda all'interno di un luogo in cui tutti gli appassionati vorrebbero perdersi, fra supercar d'eccezione e nonnine ancora pimpanti.

James Glickenhaus è uno fra i principali collezionisti di Ferrari al mondo. Il suo nome è diventato celebre nel 2006, quando Pininfarina ultimò la costruzione della P4/5. La one off è solo una dei tanti modelli che il 63enne newyorkese custodisce nel proprio fantastico garage, luogo che il sito Fast Lane Daily ci permette oggi di esplorare.

Le vetture di maggior contenuto sono la P3/4 che vinse la 24 ore di Daytona nel 1967 e la 159S Spyder Corsa, risalente addirittura al 1947, il secondo modello mai realizzato da Ferrari e pertanto ritenuta una delle più anziane ancora in vita: fu prodotta in due esemplari e monta un V12 da appena 1.9 litri, che metteva a disposizione 125 CV e garantiva una velocità massima pari a 180 km/h. Nel garage sono poi custodite altre decine di vetture, stradali o da corsa, moderne o agée, fra cui ad esempio una Lola T70 SI 71/32, una Stutz DV-32, una Duesenberg J446 o la Ford GT40 Mark IV J6 guidata da Bruce McLaren.

Glickenhaus dedica poi alcune battute alla SCG 003, ovvero l’ancora misteriosa sportiva con cui ha già rivelato di voler partecipare alla 24 del Nurburgring 2015. La P4/5 Competizione – realizzata però su base 430 Scuderia – partecipò all’edizione 2012 della corsa di durata tedesca.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: