Scambia la Plymouth Prowler per una navicella spaziale e minaccia i passeggeri. Arrestato

Le metanfetamine hanno giocato un brutto scherzo ad un 44enne dell'Arkansas: pensava che la Plymouth Prowler fosse una navicella aliena ed ha quindi minacciato il conducente.

Un 44enne di Bryant (Arkansas) è stato arrestato nei giorni scorsi dopo aver minacciato una coppia, la cui unica responsabilità era di guidare un’automobile dall’aspetto non convenzionale. L’uomo – sotto l’effetto di stupefacenti – ha scambiato la Plymouth Prowler per una navicella spaziale ed ha quindi rincorso i due passeggeri, dando prima dell’alieno al conducente ed intimandogli poi (testuali parole) di riportare la navicella nel punto in cui è decollata. Jay Ward, la vittima, ha commentato l’esperienza in questi termini

La mia preoccupazione era determinata dal fatto che la persona davanti a me fosse realmente sconvolta. Penso che la sua confusione fosse legata all’automobile che guidavo, altrimenti non so cos’altro pensare. Ero spaventato perché insieme a me c’era un passeggero e temevo per la sua incolumità.

Un report diffuso dal locale corpo di polizia ha confermato la ricostruzione di Ward: il suo assalitore ha in seguito ammesso che l’automobile gli è sembrata proveniente dal futuro. La Plymouth Prowler venne prodotta in 11.700 esemplari e risale al 1997, quando il marchio statunitense tradusse in serie l’omonimo prototipo e lanciò sulle strade una hot rod d'aspetto retrò. E’ lunga 4.2 metri, pesa 1.270 chili ed utilizzava inizialmente un motore V6 da 3.5 litri e 214 CV, poi sostituito da un altro 3.5: quest’ultimo erogava però 253 CV. La trazione è posteriore, mentre la pratica dello 0-100 km/h veniva portata a compimento prima in 7.2 secondi e poi in 5.9 secondi. La velocità era auto-limitata a 180 km/h e 190 km/h.

  • shares
  • Mail