Bonnie e Clyde: oggi l'80° anniversario della loro morte. Ecco quale automobile guidavano

Il 23 maggio 1934 vennero uccisi Bonnie e Clyde. Viaggiavano quel giorno su una Ford V8, di cui vi forniamo oggi qualche dettaglio.

La figura del criminale fascinoso e romantico ha in Bonnie e Clyde due esempi azzeccatissimi. Merito di una storia drammatica e struggente, colma di phatos, racconto simbolo di un’epoca in cui il malvivente era circondato da un’aura di magia, attrattiva e curiosità. La fuga dei due ragazzi terminò improvvisamente il 23 maggio 1934, quando alcuni agenti di Polizia lanciarono loro un’esca e li uccisero senza pietà.

Al momento dell’epilogo i due erano al volante di una Ford V8, automobile che solo per oggi – ad 80 anni esatti dalla scomparsa dei ragazzi – resterà in esposizione presso il Whiskey Pete’s Resort and Casino (a circa 40 miglia d Las Vegas). La V8 fu introdotta nel 1932 e rimase in produzione fino al 1934. Diede poi origine ad una berlina per il mercato francese e portò all'esordio il motore V8 Flathead, che rimase in produzione - seppur debitamente aggiornato - fino al 1973. Ha cilindrata di 3.6 litri e lavora con il supporto di una trasmissione manuale a 3 rapporti, mentre la potenza massima è di 70 CV.

La velocità massima era nell’ordine dei 120 km/h. Era una vettura d’impostazione relativamente economica, più raffinata della Model A – che allo stesso tempo mandava in pensione –, con un corpo vettura dal passo maggiorato e sviluppata tenendo in considerazione il rapporto qualità/prezzo. Era disponibile in ben sette varianti di carrozzeria, pick-up incluso. L’esemplare di Bonnie e Clyde fu crivellato da oltre 100 proiettili.

  • shares
  • Mail