Opel: presto una piccola premium e un crossover compatto

Opel si prepara a lanciare una raffica di modelli nuovi. Tra questi, una piccola premium ed un crossover con cui fare concorrenza al Nissan Qashqai

Grandi manovre in casa Opel: il marchio tedesco, sotto la decisa spinta del suo amministratore delegato Nick Reilly darà nei prossimi anni una vera e propria svolta alla sua gamma, spostando il suo baricentro verso fasce di mercato più alte e allontanando così il rischio di sovrapposizione con Chevrolet in Europa. Tra le grosse novità in cantiere ci sono una piccola premium ed un crossover compatto della categoria del Nissan Qashqai.

Il primo modello avrà un posizionamento simile -per capirci- a quello di una Citroën DS3, e con il suo prezzo di listino non certo popolare, contribuirà ad accrescere i margini del costruttore. La piccola, conosciuta provvisoriamente come Opel Junior, punta a quella fascia di pubblico “che si preoccupa dello status della propria auto e dei suoi contenuti hi-tech”.

Reilly, ex amministratore delegato Daewoo ha proseguito: “Abbiamo imparato molto in Corea, dove riescono a fare utili anche sulle piccole. Non siamo interessati a fare una nuova minicar solo per ampliare la nostra quota di mercato”. Rispetto all’Agila, ha precisato il manager, tutto sarà diverso con la Junior, a partire dal prezzo, per l’appunto. Il modello tuttavia, non farà concorrenza alla Mini, secondo Reilly. La Junior sarà presentata al più tardi al Salone di Parigi del 2012 e verrà commercializzata l’anno seguente.

Il 2012 sarà invece l’anno di un’altra novità assoluta per la casa tedesca, un crossover medio-piccolo con cui andare a rompere le uova nel paniere alla Nissan Qashqai e a tutte le sue rivali, spuntate come funghi negli ultimi anni. Proprio come la giapponese, anche il modello Opel potrebbe dare vita in un secondo momento ad una variante di carrozzeria con spazio per sette occupanti. Analogamente, l’offerta si articolerà su versioni a due e quattro ruote motrici.

Nel 2013 invece, arriveranno due nuovi modelli sviluppati su una piattaforma dell’Astra debitamente allungata: il primo è la Cabriolet che abbiamo già visto in qualche foto spia, mentre il secondo è una coupé a tre volumi ben diversa dall’Astra GTC di prossimo debutto. Questa sportiva sarà l’erede spirituale della mai dimenticata Calibra, di cui molto probabilmente riprenderà anche il nome.

“Abbiamo lasciato molta libertà ai nostri designers. La vettura è bella: è stata disegnata specificamente e ha davvero un bell’aspetto”, ha affermato Reilly. La nuova Calibra, che secondo un insider ricorda le linee della BMW Serie 6, non sarà costruita in Germania, ma in una fabbrica localizzata in un altro paese e non meglio identificata per il momento.

E non è tutto, perché anche per l’Ampera si pensa in grande: la prossima generazione del modello, come del resto era già stato anticipato, darà vita ad una serie di varianti di carrozzeria, come sta succedendo per la Toyota Prius. “Si possono realizzare numerose carrozzerie sulla medesima base tecnica. Potremo benissimo spaziare dal segmento B al segmento D”, affermano dal management Opel.

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Anticipazioni

Anticipazioni, bozzetti e foto spia delle auto in arrivo nei prossimi anni

Tutto su Anticipazioni →