Andrea Piccini tra i Maserati Master e la vita del collaudatore

Oggi su Motorsportblog trovate una intervista ad Andrea Piccini, pilota del campionato del mondo GT1, tornato da poco dal Belgio dove ha corso la 24Ore di Spa. Andrea non corre solo in pista, è anche collaudatore e istruttore di guida CSAI e al Centro Internazionale di Guida Sicura. Inoltre, segue anche i Maserati Master. Gli

di admin


Oggi su Motorsportblog trovate una intervista ad Andrea Piccini, pilota del campionato del mondo GT1, tornato da poco dal Belgio dove ha corso la 24Ore di Spa. Andrea non corre solo in pista, è anche collaudatore e istruttore di guida CSAI e al Centro Internazionale di Guida Sicura. Inoltre, segue anche i Maserati Master. Gli abbiamo fatto qualche domanda proprio sulla casa del tridente e sul lavoro che svolge, il sogno per molti appassionati, visto che Andrea si divide tra una 24Ore e sessioni di collaudo a bordo di supercar straordinarie. L’intervista prosegue dopo il salto.

La nuova MC Stradale è davvero la “GT3” di casa Maserati?

La MC stradale è una GT3 da strada: a mio parere ha una linea eccezionale, è molto performante, ma facile da guidare. In pista è molto divertente grazie al nuovo assetto, alla riduzione dei pesi e soprattutto ai nuovi freni in carboceramica, ma allo stesso tempo si adatta anche all’utilizzo stradale.

Sei coinvolto nel collaudo e nello sviluppo di nuovi modelli di serie?

Ho raramente collaborato allo sviluppo di vetture stradali, mentre ho collaborato allo sviluppo di vetture da competizione dalla F1, come tester della Minardi, alle vetture GT.

A quando una nuova supercar come la indimenticabile MC12?

Onestamente non penso sarà facile costruire una vetture allo stesso livello della MC12 e altrettanto vincente.

Quali sono i momenti più duri del lavoro di un collaudatore?

Ci sono delle giornate nella quali non si scende quasi dalla macchina aspettando per lungo tempo a bordo della vettura nei box per poi fare solo pochi giri e verificare le modifiche fatte. Altre nella quali si gira senza sosta e si arriva a sera stremati.

E quelli più piacevoli?

I momenti più piacevoli sono quando si cominciano a vedere i risultati del lavoro svolto e ci si accorge che le proprie indicazioni stanno portando lo sviluppo nella direzione giusta.

A chi sono rivolti i corsi di guida Maserati?

I corsi Maserati sono rivolti a tutti gli appassionati che amano le vetture del Tridente e ai clienti e ai possessori Maserati. L’obiettivo è quello di insegnare ai clienti Maserati a guidare le loro vetture con una miglior tecnica, con maggior sicurezza e di conseguenza con maggior piacere, per questo usiamo la pista di Varano de’ Melegari e mettiamo a disposizione dei clienti tutte le vetture della gamma Maserati. Il Master Gt Maserati è un’esperienza indimenticabile.

Differenze tra i Maserati Master e i Pilota Ferrari?

Oltre alla pista – il Corso Pilota Ferrari si corre a Fiorano – il Maserati è una via di mezzo tra un corso di guida sicura e un corso di guida veloce, mentre il master Ferrari è più indirizzato alla pista.

Qual è il livello medio dei clienti che frequentano i corsi, sopratutto per nuovi mercati emergenti?

Il livello cambia molto da paese a paese. In Europa dove da tempo i clienti sono abituati a guidare vetture molto sportive e dove spesso frequentano anche le piste il livello è certamente superiore che nei mercati emergenti. Gran parte dei clienti che si avvicinano ai Corsi di guida sicura e sportiva si rendono conto di avere molto più da imparare di quello che pensavano e restano sorpresi di quanto si possa apprendere anche in due soli giorni. Questo soprattutto grazie alla professionalità e all’esperienza degli istruttori.

Un aneddoto divertente sui corsi…

Ad uno dei corsi un cliente è partito dai box guidando malissimo, in maniera estremamente brusca ed aggressiva prendendo dei rischi enormi senza per altro riuscire ad andare particolarmente forte. L’ho lasciato sfogare per un giro controllando che non succedesse nulla e poi l’ho guardato chiedendogli: ma tu guidi sempre così? Lui orgoglioso e convinto che fossi rimasto impressionato dalla sua guida mi ha risposto con un gran sorriso: sì, perché? Scherzando gli ho risposto: è un miracolo che tu sia ancora vivo. Avreste dovuto vedere la sua faccia… nei due giorni successivi, con gran fatica è migliorato un sacco e devo dire che è andato via guidando benone e divertendosi molto.

Cosa pensi della scelta di alcune case (come Mercedes) di vincolare l’acquisto di pacchetto optional per l’aumento del limitatore di velocità massima ad un corso di guida sportiva?

Penso sia una buona idea. La poca pratica che viene insegnata nelle scuole guida è legata solo al rispetto delle norme del codice della strada e ha ben poco a che vedere con una corretta tecnica di guida. Non si insegna come affrontare situazioni di emergenza quali perdita del controllo della vettura, o evitamento di un ostacolo improvviso. Di conseguenza gran parte dei guidatori impara da sola, un po’ alla volta e nel tempo acquisisce vizi e abitudini sbagliati. Il fatto di percorrere molti chilometri alla guida, magari per lavoro, fa si che molti guidatori si credano bravi ed esperti. Di solito al primo contatto con la pista in occasione di corsi di guida sicura o sportiva si rendono conto che c’è moltissimo da imparare e in gran parte delle situazioni di emergenza solo pochi sono in grado di eseguire le manovre corrette e controllare le vetture. In strada di solito non c’è preavviso come negli esercizi e soprattutto si ha una sola occasione…e non c’è modo di provare una seconda volta.

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Maserati

Maserati viene fondata nel 1914 e la sua nascita può quasi essere definita casuale, data la pressoché totale mancanza di legami fra la famiglia Maserati ed il mondo dell’automobile. La [...]

Tutto su Maserati →