Lista: le 5 miglioni Ford Mustang mai nate

La Ford Mustang è giunta alla settima generazione. I suoi padri l’anno declinata in un numero imprecisato di versioni ed allestimenti speciali, l’hanno proposta in versione hatchback, fastback o convertible e con un’infinità di motori. Ecco 5 fra le loro fonti d'ispirazione.

a:2:{s:5:"pages";a:6:{i:1;s:0:"";i:2;s:19:"Ford Mach 1 concept";i:3;s:27:"Ford Mustang Milano concept";i:4;s:24:"Ford Mustang RSX concept";i:5;s:47:"Ford Mustang ‘Bruce Jenner’ e Rambo concept";i:6;s:21:"Ford Mach III concept";}s:7:"content";a:6:{i:1;s:1122:"

Tempo otto giorni e la Ford Mustang compirà 50 anni. Era il 17 aprile 1964 quando l’Ovale Blu portò all’esordio una dedicata ai baby boomers, d’impronta giovanile e sportiveggiante, realizzata impiegando numerosi particolari delle Ford già a listino: le sospensioni, i componenti del gruppo motore/trasmissione ed alcuni particolari dell’abitacolo furono messi a disposizione dalle Falcon e Fairlane, mentre il telaio venne anch’esso ereditato dalla Falcon e poi sottoposto ad alcune migliorie strutturali.

La Mustang è nel frattempo giunta alla settima generazione. I suoi padri l’anno declinata in un numero imprecisato di versioni ed allestimenti speciali, l’hanno proposta in versione hatchback, fastback o convertible e con un’infinità di motori. Ci sono però alcuni esemplari che non hanno mai visto la luce. Sono prototipi o modelli di stile, più o meno improbabili e riusciti, che vogliamo qui ricordare all’interno di una lista.

";i:2;s:701:"

Ford Mach 1 concept


Venne lanciata nel 1966 e servì quale fonte d’ispirazione per il Model Year 1969. La Ford Mach 1 concept è una fastback con abitacolo a due posti, bassa e di aspetto aggressivo, riconoscibile per alcuni soluzioni d’impronta racing: i finestrini sono in policarbonato, gli specchietti trovano posto vicino agli occhi di conducente e passeggero e lo sfuggente parabrezza restituisce l’impressione di guidare un’automobile da corsa. Il cofano motore nasconde un V8 da 427 pollici cubi (7 litri).

";i:3;s:741:"

Ford Mustang Milano concept


La sua prima apparizione è datata febbraio 1970, durante l’allora Chicago Auto Show. La Ford Mustang Milano anticipa un motivo stilistico dalle linee più affilate e geometriche, che sarebbe poi stato riconosciuto alla versione introdotta nel 1971. Gli stilisti dell’Ovale Blu disegnarono poi un naso lungo ed un padiglione sfuggente e rastremato. La Milano è sempre stata criticata per non essere una vera Mustang. L’auto ad aver maggiormente raccolto le sue indicazioni stilistiche è infatti l’australiana Ford Falcon XB.

";i:4;s:833:"

Ford Mustang RSX concept


Sul finire degli anni ’80 alla carrozzeria Ghia venne chiesto di pensare alla Mustang di terza generazione. Nacque così la Ford Mustang RSX concept, una due volumi e mezzo d’aspetto tipicamente eighties, ispirata alle automobili da rally e modificata anche nella meccanica: la carreggiata posteriore è più larga di 3 centimetri ed il passo accorciato di 14 centimetri rispetto alla vettura in commercio, di cui utilizza la piattaforma. L’altezza da terra è invece maggiorata. Il motore ha frazionamento 4 cilindri e cubatura di 2.3 litri, è sovralimentato e si abbina ad una trasmissione manuale a 4 rapporti.

";i:5;s:778:"

Ford Mustang ‘Bruce Jenner’ e Rambo concept


I due prototipi risalgono al 1990 e vennero introdotti in previsione della Mustang di quarta generazione. Ford voleva tornare ad offrire una hatchback, sostituendo in tal modo le notchback ed hatchback. La Ford Mustang Bruce Jenner – dedicata ad un olimpionico nel decathlon – venne ritenuta troppo blanda e poco accattivante, mentre la Mustang Rambo fu giudicata invece troppo aggressiva. Certo è che le due vetture riportarono in auge il cavallino al centro della griglia radiatore, soluzione poi ripresa dalla vettura definitiva.

";i:6;s:1222:"

Ford Mach III concept


Venne lanciata nel 1992 ed indica quale percorso stilistico verrà seguito nel disegnare la Mustang di quarta generazione. La Ford Mach III concept prevede ad esempio il logo nella mascherina anteriore, prese d’aria nella zona del brancardo ed una nervatura ad attraversare l'intera fiancata, mentre non hanno trovato sbocco nella produzione i gruppi ottici posteriori e le aperture sul cofano motore. Da sottolineare poi l’andamento ad onda del parabrezza.

Questo prototipo introduce alcuni elementi destinati alla Ford Mustang di quarta generazione, che sarebbe stata introdotta solo due anni più tardi (nel 1994). I suoi particolari di maggior interesse restano l’impostazione 2+ ed il parabrezza rastremato e curvilineo.
Introduce alcuni elementi destinati alla Ford Mustang di quarta generazione, che sarebbe stata introdotta solo due anni più tardi (nel 1994). I suoi particolari di maggior interesse restano l’impostazione 2+ ed il parabrezza rastremato e curvilineo.

";}}

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: