Ferrari: il sogno è Le Mans; Formula 1 2014 all'insegna dell'affidabilità

Montezemolo: Le Mans è un sogno, non ci sarà nessun prodotto stradale derivato da LaFerrari (come dice AutoCar).

Guarda la fotogallery della Ferrari California T al Salone di Ginevra 2014 Live

Si sono appena spenti i riflettori sul Salone di Ginevra 2014; fra le conferenze stampa più interessanti a cui abbiamo partecipato nell’ambito della rassegna elvetica figura certamente quella della Ferrari: il presidente Montezemolo ha infatti spaziato su argomentazioni inerenti il prodotto ed il motorsport, ribadendo la filosofia Ferrari nei due ambiti ed anticipando, a suo modo, i piani per il futuro. Vi proponiamo quindi degli estratti audio dei momenti salienti della conferenza in questione.

LA FOTOGALLERY DELLA FERRARI CALIFORNIA T A GINEVRA

Il sogno di partecipare a Le Mans con una vettura basata su LaFerrari

Nella vita l’appetito vien mangiando”: La Scuderia di Maranello sta già pensando a delle possibili evoluzioni de LaFerrari e “prima o poi”, se le possibilità economiche ed i regolamenti lo permetteranno, Ferrari avrebbe il desiderio di provare a vincere alla 24 Ore di Le Mans. Un qualcosa che si era già intuito osservando le foto spia rubate qualche mese a Fiorano e ritraenti un prototipo camuffato (che potete vedere in video) con tutto l’aspetto di una vettura dedicata alle competizioni. Le Mans sarebbe anche un modo per uscire dalla “prigione” della Formula 1, non sempre facilissima da accettare nei suoi continui cambi di regolamento.

Formula 1: sforzo tecnologico immenso; ma non piacciono i piloti "tassisti”

Il tema della F1 2014 sarà quello dell’affidabilità: la complicazione tecnologica delle monoposto ha ragiunto livelli altissimi, tanto da chiedersi se fosse davvero necessaria una rivoluzione di questa portata per la stagione 2014.

A Montezemolo non piace quanto la Formula 1 richiede ai propri piloti, definiti quasi “tassisti”: oltre al consumo delle gomme, essi devono tener conto del consumo del carburante ed “essere computer nella testa”. Ben venga quindi l’innovazione tecnologica, purché il regolamento non comprometta lo spettacolo per gli spettatori. Una battuta anche sul “sound” delle nuove monoposto, che indubbiamente hanno perso qualcosa in tal senso.

Il successo de LaFerrari

Un successo straordinario per questa limitatissima hypercar, con molti collezionisti di alto livello (più di 200) rimasti “a bocca asciutta”.

Montezemolo ha lasciato intendere che non ci saranno “aggiunte” al numero di esemplari programmato, come invece fu per la Enzo a suo tempo, né tantomeno prodotti stradali derivati da LaFerrari.

Stupisce quindi che un magazine del calibro di Autocar abbia inteso nelle parole del numero uno della Scuderia italiana (le stesse che potete sentire in video) la volontà di costruire una vettura che si basi su LaFerrari, “qualcosa di speciale” per accontentare la clientela che non è riuscita ad aggiudicarsi un ordine per l’ibrida di Maranello.

  • shares
  • Mail
23 commenti Aggiorna
Ordina: