Citoren Cactus al Salone di Ginevra: la video intervista

La nuova C4 Cactus di casa Citroen ha mostrato una via di sviluppo in tema di design e di funzionalità decisamente particolare.

Al Salone di Ginevra, la volontà del mondo dell’automobile di riproporsi e rilanciarsi attraverso nuove strade e determinate filosofie visive, sono passate anche attraverso lo stand di casa Citroen, che ha dettato il proprio stile mostrando quello che è uno dei suoi progetti più intriganti e convincenti fin dal primo sguardo. Stiamo parlando della Cactus, una vettura che pone come sua concezione stilista, il giusto abbinamento e la giusta sinergia tra il mondo dell’automotive ed il mondo degli smartphone.

Un accostamento forte? Non proprio a giudicare da quella che è la prima grande innovazione mondiale che Marco Freschi, responsabile relazioni esterne Citroen, ci ha introdotto. Si tratta dell’Air Bump, quel sistema di protezione laterali a capsule ad aria compressa, che servono proprio a prevenire quei piccoli urti cittadini che possono capitare in mezzo al traffico. La Cactus ha introdotto anche due ulteriori grandi novità. La prima riguarda lo spostamento dell’Air Bag lato passeggero, che passa dalla plancia al padiglione. In questo modo si è riusciti a ricavare uno spazio maggiore per il passeggero, ed un porta oggetti di maggiori dimensioni. La seconda concerne il tetto in vetro panoramico di nuova generazione che crea un ambiente coambientato, tenendo fuori il caldo o il freddo, ma che ovviamente lascia passare la luce del sole.

Insomma, Cactus è stata la vetrina di un ideale, di un percorso che Citroen ha evoluto nel corso degli anni, cercando di andare sempre più incontro ai desideri, ma sopratutto, allo stile di vita del cliente. Un’auto dal nome ‘spinoso’, ma che decisamente non passa inosservata per le sue linee ed i dettagli particolari, sopratutto nella zona frontale, ma anche con gli interni privi di tasti. Il tutto, con un budget controllato. E non possiamo non sottolineare anche la versione Adventure, prototipo con elementi di metallo in corrispondenza dei paraurti, archi passaruota con verniciatura a contrasto, pneumatici tassellati e sospensioni rialzate, oltre a elementi e dettagli utili per enfatizzare e mettere in mostra un aspetto più off-road.

Citroen C4 Cactus: la tecnica


La nuova Citroen C4 Cactus è una vettura che mostra dimensioni compatte con i suoi 416 centimetri di lunghezza ed i suoi 173 di larghezza. Una vettura disegnata tenendo conto dell’aerodinamica con l’altezza che risulta quindi ridotta e pari a 148 centimetri. Il passo rimane identico a quello della Citroen C4, quindi 260 centimetri, il tutto a beneficio della guidabilità e dell’abitabilità, con la vettura che disporrà di un bagagliaio di ben 358 litri.

A livello tecnico la nuova Citroen C4 Cactus si basa sul telaio Platform 1 del gruppo PSA, avrà una massa di soli 965 chilogrammi, ben 200 in meno della normale Citroen C4, ed al lancio sarà disponibile in quattro diverse motorizzazioni. Si partirà dalla Citroen C4 Cactus 1.2 VTi tre cilindri in versione aspirata da 82 cavalli ed in versione turbo da 110 cavalli, che prenderà il nome di Citroen C4 Cactus 1.2 e-THP.

Nella gamma a gasolio saranno invece disponibili unicamente dei propulsori a quattro cilindri nelle versioni 1.6 eHDi da 92 e 1.6 BlueHDi da 100 cavalli. Nella sua variante più efficiente la nuova Citroen C4 Cactus sarà in grado di percorrere fino a 100 chilometri con soli 3.1 litri di carburante, emettendo 82 grammi di anidride carbonica al chilometro. Le varie motorizzazioni saranno disponibili in accoppiata al classico cambio manuale, con la possibilità di ordinare un atuomatico pilotato ETG con sistema Easy Push.

Citroen C4 Cactus: scheda tecnica

[iframe width=”586″ height=”600″ src=”http://www.slideshare.net/slideshow/embed_code/32363111″ frameborder=”0″]

I Video di Autoblog

Ultime notizie su Video

I video più interessanti e divertenti del mondo auto: i video ufficiali dai costruttori, le nostre prove su strade, i video amatoriali divertenti da condividere, ecco un modo per scoprire il mondo delle quattro ruote a 360 gradi!

Tutto su Video →