Alfa Romeo: nuovo posticipo per il ritorno in Nord America

Museo dell'Automobile

L’amministratore delegato Fiat Sergio Marchionne ha espresso alcune perplessità riguardo la nuova Alfa Romeo Giulia, posticipandone il debutto di almeno sei mesi. Questa decisione costringe il marchio del Biscione a ritardare ulteriormente lo sbarco in Nord America, previsto a metà 2012 ed ora “scalato” fino ad inizio 2013. Lo rende noto Automotive News citando fonti interne del marchio. Il ritardo della Giulia viene imputato alla presenza di vizi estetici e sbavature nei dettagli di produzione, tanto evidenti da causare una revisione del progetto corrente. In particolare Marchionne ha mostrato di non gradire le ipotesi di stile per la carrozzeria, firmate dal Centro Stile e sonoramente bocciate. Il futuro della berlina resta tuttavia subordinato alla scelta dell’ancora sconosciuto sito produttivo.

Autonews riporta poi le valutazioni dell’analista Max Warburton, secondo cui Alfa Romeo non riuscirà a soddisfare l’obiettivo delle 500.000 immatricolazioni l’anno a partire dal 2015. “Il progetto sembra quanto mai ambizioso”, piega Waburton. “Le sole MiTo e Giulietta non garantiscono agli acquirenti la necessaria possibilità di scelta”. A partire dal 2012 listino sarà comunque più “variegato” grazie all’introduzione del nuovo SUV compatto, denominato C-SUV e alter ego della futura Jeep Patriot.

  • shares
  • Mail
88 commenti Aggiorna
Ordina: