Le 5 peggiori supercars secondo Top Gear Australia

Quali sono le peggiori supercars di sempre ? Ecco la classifica di Top Gear Australia...

a:2:{s:5:"pages";a:6:{i:1;s:0:"";i:2;s:41:"5 peggiori supercars: la quinta posizione";i:3;s:42:"5 peggiori supercars: la quarta posizione ";i:4;s:40:"5 peggiori supercars: la terza posizione";i:5;s:42:"5 peggiori supercars: la seconda posizione";i:6;s:39:"5 peggiori supercars: la prima posizion";}s:7:"content";a:6:{i:1;s:862:"

Le 5 peggiori supercars

La parola supercar è usata per identificare un numero limitato di vetture capaci di far sognare numerosi appassionati. Si tratta di auto belle e (quasi) impossibili per i più, con performance esorbitanti e design ammalianti. Non tutte le supercar, però, riescono a incarnare queste qualità e incantare il pubblico...

In questa lista troverete infatti le immagini relative alle cinque peggiori supercars di sempre secondo i colleghi di Top Gear Australia. Su alcune posizioni siamo pienamente d’accordo mentre su altre riteniamo che certi modelli non meritino questo titolo, neanche per scherzo. Detto questo, ecco a voi la top five…

";i:2;s:728:"

5 peggiori supercars: la quinta posizione

Le 5 peggiori supercars

Al quinto posto troviamo l'Aston Martin Virage del 1989. La vettura inglese, presentata al salone dell'automobile di Birmingham, è mossa da un motore V8 di 5.3 litri affiancato da un cambio automatico oppure, in alternativa, da un manuale a cinque rapporti. A questo modello, nel corso degli anni, si affiancano la Virage 6.3 e la più potente Vantage. L'ultima evoluzione del modello è rappresentata dalla Vantage Le Mans V600 (con potenza di 600 cavalli) del 2000, costruita in 40 esemplari.

";i:3;s:900:"

5 peggiori supercars: la quarta posizione

Le 5 peggiori supercars

Sulla Mitsuoka Orochi c'è veramente poco da dire. Se non avevate mai sentito parlare di questo modello oppure vi ricordate a malapena il suo nome ci sarà un perché... Tralasciando la parte estetica vi ricordiamo solamente che la vettura giapponese è stata presentata per la prima volta nel 2001, sfruttando la base meccanica della Honda NSX, per poi "evolversi". La versione definitiva di serie è equipaggiata con un motore V6 Toyota 3,3 litri, capace di erogare 230 cavalli, abbinato a un cambio automatico a cinque rapporti. Questo binomio garantisce la copertura dello sprint da 0 a 100 km/h in sette secondi e una velocità massima di 240 km/h.

";i:4;s:938:"

5 peggiori supercars: la terza posizione

Le 5 peggiori supercars

Dopo il passaggio della Lamborghini ai fratelli Mimran, che forniscono i soldi necessari per rinnovare la gamma, nel 1981 viene creata la Lamborghini Jalpa. La nuova creatura del Toro eredita dalla Urraco il motore 3.5 V8 da 255 CV. Il design è firmato Bertone e il comportamento stradale risulta più facile e intuitivo della Countach. Le prime Jalpa prodotte avevano le parti in plastica, i paraurti, le prese d'aria e la copertura del motore, di colore nero, mentre le luci posteriori erano rettangolari come sulla Silhouette. Tre anni più tardi, nel 1984, le parti in plastica vengono verniciate nello stesso colore della carrozzeria e le luci posteriori diventano tonde. Nel 1988 esce di produzione.

";i:5;s:1291:"

5 peggiori supercars: la seconda posizione

Le 5 peggiori supercars

Al secondo posto di questa particolare classifica troviamo la Jaguar XJ220. Questa vettura -che a parer nostro non dovrebbe per nessuna ragione rientrare in questa classifica- nasce dall'idea dell'ingegnere Jim Randle di creare un'auto capace di battere rivali blasonate come Ferrari F40 e Porsche 959. Durante il British Motor Show del 1988 viene presentato al pubblico il prototipo della XJ220 dotato di un motore 12 cilindri a V di 6.2 litri, con una potenza di oltre 500 cavalli, abbinato alla trazione integrale. Qualche anno più tardi arriva la versione di serie, rivista in modo sostanziale nella meccanica. Al posto del propulsore V12 viene infatti utilizzato un V6 turbo di 3.5 litri in grado di sviluppare 550 cavalli.

La Jaguar XJ220 si dimostrò in grado di arrivare ad una velocità massima di 350 chilometri orari, diventando l’auto più veloce al mondo fino all’arrivo della McLaren F1, che distrusse il record arrivando fino a 386 chilometri orari, velocità ancora imbattuta per auto stradali con motore aspirato.

";i:6;s:1023:"

5 peggiori supercars: la prima posizione

Le 5 peggiori supercars

Lo scettro della peggior Supercar va alla Weber Faster One. La vettura svizzera è caratterizzata da linee disarmoniche e il look che ne scaturisce non ha le credenziali per entusiasmare un appassionato. A livello meccanico la Faster One è equipaggiata con un propulsore otto cilindri a V LS7 (7.0 litri di cilindrata) di derivazione Corvette, sovralimentato attraverso due compressori volumetrici, in grado di sviluppare una potenza di 900 cavalli e una coppia massima di 1.050 Nm.

A tale unità si abbinano poi una trazione integrale, capace di indirizzare fino al 36% di coppia all’anteriore, e un cambio meccanico a sei rapporti. Le performance dichiarate riportano uno 0-100 km/h archiviato in 2.5 secondi, uno 0-300 coperto in 16,2 e una velocità massima (teorica) di 420 km/h.

";}}

  • shares
  • Mail
26 commenti Aggiorna
Ordina: