Autovelox fuori legge: coinvolti 146 Comuni


La Guardia di finanza di Brescia ha chiuso il caso degli “autovelox truccati” che ha interessato 146 comuni in tutta Italia. Il principale accusato per questa truffa ai danni dell’automobilista è un uomo di 60 anni, già indagato relativamente agli appalti per la gestione di servizi di rilevamento mediante autovelox ed ora anche della modalità illegale di gestione di questi ultimi. Le indagini hanno coinvolto anche i finanzieri di Sala Consilina, che nel 2010 hanno accertato la contestazione illegale di circa 82.000 violazioni al codice della strada con indebite richieste di sanzioni per circa 11,5 milioni di euro.

L’uomo è accusato di aver venduto, tramite le sue finte società, ben 50 autovelox di cui solo 2 omologati; di aver architettato finte gare d’appalto a cui, con la complicità di molte amministrazioni comunali, partecipavano solo le sue ditte. In tutti i verbali venivano falsamente riportate sempre le matricole delle uniche due apparecchiature di rilevamento della velocità conformi alle norme di legge (2 matricole quindi presenti in diversi luoghi dello stivale contemporaneamente). In questo modo i verbali erano incontestabili. Sono 367 i funzionari pubblici, e 147 i lavoratori irregolari coinvolti: sono stati segnalati per i reati di truffa aggravata, turbata libertà degli incanti e corruzione.

Via | Repubblica (Grazie al nostro lettore "Canyonero2" per la segnalazione)

  • shares
  • Mail
21 commenti Aggiorna
Ordina: