Toyota: da fine i mese i test per la ricarica induttiva delle batterie

Tre automobilisti della prefettura di Aichi serviranno da 'cavie' per sviluppare il nuovo sistema Toyota di ricarica induttiva, destinato a vetture ibride plug-in o elettriche. I test si svilupperanno per 12 mesi.

toyota_wireless_charging_system

I sistemi per la ricarica wireless delle batterie diventeranno presto una realtà. E’ quanto auspica Toyota, che entro fine mese inizierà a testare una piattaforma di tipo induttivo con la quale alimentare batterie di automobili ibride plug-in ed elettriche. Questa tecnologia prevede una bobina e sfrutta il principio della risonanza magnetica. Il conducente dovrà solamente parcheggiare sull’area predisposta e pazientare circa 90 minuti, tempo sufficiente all’impianto – che lavora alla frequenza di 85 kHz e prevede un voltaggio di 200 V – per completare un ciclo di carica. L’operazione verrà inoltre resa più semplice grazie ad una applicazione del sistema Intelligent Parking Assist, che indica l’esatta posizione della bobina e consente in tal modo di parcheggiarci sopra.

La piattaforma wireless opera grazie alla variazione di intensità fra la bobina installata sull’auto e quella presente in terra, è progettata per ridurre al minimo le interferenze elettromagnetiche e può venire calpestata anche da veicoli di elevato ‘tonnellaggio’. I test dureranno 12 mesi e coinvolgeranno tre automobilisti della prefettura di Aichi, all’esterno delle cui abitazioni verrà installata una completa piattaforma di ricarica. Obiettivo dei tecnici è valutare la soddisfazione dell’utente, la semplicità d’utilizzo, il comportamento durante la carica e l’incidenza del disallineamento fra ‘base’ ed automobile.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: