Ford: nei prossimi anni la riduzione del peso dei modelli diventerà prioritaria

Nuovo Ford Explorer

Una delle priorità fondamentali, se non la più importante insieme a quella della riduzione dei consumi e delle emissioni: la riduzione del peso delle Ford del futuro sarà quasi un ossessione nei prossimi anni. A suonare la carica per progredire in questo campo è stato Alan Mulally in persona, il numero uno della casa di Dearborn.

Arrivato in Ford nel 2006, una delle prime decisioni cui venne messo di fronte fu il destino futuro dell'Explorer, grosso SUV che va per la maggiore sul mercato d'Oltreoceano. "Alan ci disse che dovevamo completamente reinventare il modello", ricorda Derrick Kuzak, responsabile sviluppo prodotto Ford. Con la spada di Damocle delle future regole in termini di consumi ed emissioni a incombere sul capo, il task era semplice: o l'Explorer perde peso e consuma meno, o si taglia.

Funzionò. Quando Kuzak presentò due anni fa il progetto definitivo dell'attuale Explorer per il verdetto di Mulally, non attaccò parlando di volumi commerciali o previsioni sui profitti, bensì sottolineando subito come il nuovo modello pesasse quasi 50 kg meno del predecessore, consumando al contempo il 24% in meno. Perché questo aneddoto? Perché nel prossimo decennio questa sarà la norma per tutti i nuovi progetti.

Nuovo Ford Explorer
Nuovo Ford Explorer
Nuovo Ford Explorer
Nuovo Ford Explorer

L'ambizioso CEO di Ford Motor Company ha chiaramente specificato ai suoi ingegneri che tutti i nuovi modelli che verranno presentati dal 2012 al 2020 dovranno perdere dai 100 ai 350 kg (!) rispetto a quelli che sostituiranno sui mercati internazionali. A quanto pare, Mulally ha anche chiarito che se un nuovo prodotto non dovesse essere in grado di offrire i migliori consumi della sua categoria, lui non darà il via libera alla produzione.

Via | LeftLane

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: