A Kabul gli attentatori rubano automobili? I poliziotti ora bucano le ruote

Il comportamento tenuto dagli agenti del X distretto di Kabul ha mandato su tutte le furie il responsabile del locale corpo di polizia, che ha promesso una nuova tattica. Quale? Pare che le ruote saranno ora sgonfiate...

flat_tyre_car_in_kabul

Il furto di automobili rappresenta a Kabul una questione che i vertici della polizia hanno scelto di risolvere in maniera decisamente spiccia e risoluta. La questione non va tuttavia circoscritta al semplice reato, perché i responsabili della maggioranza dei furti sono in realtà componenti di associazioni che della vettura hanno ben poco interesse: loro obiettivo è infatti procurarsi un mezzo con il quale compiere attentati. Per tal motivo i responsabili del Corpo presente nel X distretto della città hanno deciso di bucare le ruote delle automobili in sosta. Proprio così. Alcuni agenti pattugliano le vie della città ed in maniera del tutto arbitraria bucano i pneumatici delle automobili in sosta, auspicando in tal modo di fermare (o quantomeno rallentare) gli attentatori. La vicenda è raccontata dal sito NPR.

I redattori hanno voluto approfondire dopo quanto successo alcuni giorni fa: un responsabile della testata ed un visitatore della redazione hanno trovato le rispettive automobili con due ruote (ciascuna) a terra. E’ quindi partita una telefonata verso Nesar Ahmad Abdulrahimzai, responsabile della polizia presente nel X distretto di Kabul, che dopo alcuni minuti di imbarazzo ha riconosciuto l’origine dell’episodio ed ha ammesso che gli agenti sono privi del dovuto equipaggiamento per fermare i dinamitardi in maniera più efficace e meno invasiva. Zaher Zaher, responsabile dell’intero Corpo di polizia di Kabul, si è invece scusato con le vittime ed ha promesso che metterà un freno a questa spiacevole pratica. In che maniera? Un collaboratore di NPR giura di aver visto un agente svitare le valvole…

  • shares
  • Mail