Amburgo studia come bandire le automobili dal centro città

Il mare del Nord e l'aumento delle temperature sono i principali nemici della città di Amburgo. I suoi amministratori stanno quindi pensando di sconfiggerli, attraverso un ambizioso progetto a scadenza 20ennale.

us_bike_line

L’amministrazione della città di Amburgo sta pensando di rendere inaccessibile il centro storico a tutte le automobili. E’ il contenuto più significativo del progetto Green Network, la cui introduzione cambierà progressivamente i connotati di una metropoli che vuole essere la prima a sostituire il nero dell’asfalto con il verde dell’erba. Gli obiettivi sono decisamente ambiziosi. Nel giro di vent’anni il 40% dell’intera superficie cittadina verrà restituito alla natura e popolato da nuova vegetazione, nel tentativo di sviluppare un’estesa infrastruttura di parchi, giardini ed oasi metropolitane. Angelika Fritsch, portavoce della giunta, sostiene che il Green Network ‘permetterà ai cittadini di esplorare la città esclusivamente a piedi o in bicicletta’.

Favorevole ovviamente la risposta dei Verdi. Jens Kerstan, leader del gruppo Hamburg’s Green Party, pone l’accento sulla necessità di rinnovare abitudini e comportamenti in vista di un futuro shock climatico. Amburgo – la seconda città di Germania e secondo polo portuale europeo – si trova infatti a combattere la minaccia del mare del Nord, la cui superficie si è alzata di 20 centimetri negli ultimi 60 anni e che aumenterà ancora da 30 a 110 centimetri entro il 2100. Per tal motivo il Green Network rimpolperà un bacino verde grazie al quale assorbire le emissioni inquinanti risultato di altre attività produttive locali, nel tentativo di ridurre l’inquinamento atmosferico.

  • shares
  • Mail