La VL Destino perde il tetto. Arriva la cabriolet

VL Motors esporrà al salone di Detroit il prototipo di una seconda Destino, questa volta con le sembianze di una cabriolet. L'auto potrebbe tuttavia rivelarsi un 'revival' della Fisker Karma S.

Primi teaser della VL Destino cabrio

Destino cabrio

Bob Lutz aveva confermato l’indiscrezione già lo scorso ottobre, quando anticipò che avrebbe presto lanciato una seconda variante di carrozzeria su base VL Destino. L’ex manager GM non rivelò tuttavia di che modello si trattasse. Lo scopriamo oggi, a pochi giorni da quel salone di Detroit (13-26 gennaio) in cui l’auto verrà lanciata, grazie ad una prima ricostruzione grafica: la berlina sarà privata del padiglione e trasformata in cabriolet, a due porte e quattro posti, con impostazione sportiveggiante e dai numerosi elementi di tono lussuoso. Il riferimento è nel profilo cromato e nei pellami, questi ultimi realizzati da Katzkin Leather.

World Car Fans ipotizza tuttavia che il prototipo non rappresenti altro che un ‘revival’ della Fisker Karma S, vettura risalente al 2009 e mai tradotta in serie. La Karma S è lunga circa 4.80 metri e della berlina mantiene il telaio in alluminio e la carrozzeria in materiali compositi, mentre la capote ripiegabile ha struttura rigida ed il sistema di propulsione Q-Drive veniva messo a disposizione dalla Quantum: garantisce 408 CV e permette di viaggiare per circa 80 chilometri senza alcuna emissione inquinante.

VL Motors è un progetto sostenuto da Bob Lutz e nato sulle ceneri di Fisker. Prima vettura sarà la Destino, una berlina ispirata alla Karma ma priva della sua piattaforma ibrida: verrà rimpiazzata da un V8 sovralimentato.

  • shares
  • Mail