Un avversario politico mette i bastoni fra le ruote? Il governatore del New Jersey per dispetto manda in tilt il traffico

Il sindaco di una cittadina nei paraggi di New York scatena l'ira di Chris Christie, governatore del New Jersey. Per punizione decide quindi di chiudere tre delle quattro corsie del ponte che conduce alla Grande Mela. Risultato? Traffico bloccato per tre giorni!

Washington Bridge

Il governatore del New Jersey avrebbe ordinato la parziale chiusura del ponte più trafficato d’America, decisione assunta quale forma di ritorsione nei confronti di un avversario politico. E’ l’accusa che il repubblicano Chris Christie si trova costretto ad affrontare, mossagli dopo la pubblicazione delle mail fra i suoi collaboratori ed i funzionari della Port Authority. Dal carteggio emergono in maniera inequivocabile le responsabilità del 51enne di Newark, oggi al secondo mandato, costretto alle pubbliche scuse dopo l’esplosione di una vicenda che i commentatori più severi immaginano possa rivelarsi fatale per la sua carriera.

Christie avrebbe infatti chiuso tre delle quattro corsie in direzione New York, paralizzando in tal modo l’ingresso nella Grande Mela. Basti sapere che l’ingorgo è durato ben tre giorni! Il Washington Bridge è un ponte in acciaio lungo circa 1.5 chilometri, alto 65 metri ed aperto nel 1931, una delle tre forme d’accesso – le altre sono due tunnel – per raggiungere New York. Il ponte scavalca il fiume Hudson ed accoglie ben 106 milioni di automobili ogni anno, rendendolo di fatto il più trafficato ponte per veicoli a motore del mondo. Al suo imbocco è presente la cittadina di Fort Lee, il cui primo cittadino ha subito la vendetta del più potente avversario.

Il motivo? Mark Sokolich, democratico, ha infatti negato il suo voto per la rielezione di Christie. Tale decisione suscitò scalpore, in quanto Sokolich espose il pollice verso nonostante altri 16 sindaci democratici dello stato avessero optato per la rielezione del governatore. Christie si è inizialmente difeso sostenendo che la chiusura delle tre corsie rappresentasse un esperimento volto ad analizzare il comportamento degli automobili in circostanze di forte traffico, ma tale ipotesi è parsa fin da subito debolissima ed è crollata non appena sono state pubblicate le mail compromettenti.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: