Cina: anche a Tientsin la lotteria per aggiudicarsi una targa

Lo scorso anno ben 2.36 milioni di targhe sono finite sui paraurti di altrettante automobili. Normale quindi che gli amministratori della prefettura di Tientsin vogliano introdurre un sistema per regolamentare la concessione di nuove licenze.

Gli amministratori della municipalità cinese di Tianjin hanno stabilito di introdurre limiti più severi nella concessione di targhe a nuove automobili, seguendo in tal modo l’esempio in vigore a Pechino. La ratio di questa misura è giustificata da un pauroso numero: China Daily riferisce che nel solo 2012 ben 2.36 milioni di vetture hanno ricevuto una licenza, quando nel 2006 erano ‘appena’ 1.2 milioni. Tianjin – che in italiano diventa Tientsin – si trova nella Cina centro-orientale, occupa una superficie di 11.760 km² ed ospita quasi 13 milioni di abitanti.

Le autorità vogliono quindi intervenire per diminuire i livelli di inquinamento. Da sabato 1 marzo entrerà quindi in vigore un sistema di tipo misto, che assegna le targhe ai vincitori di un’apposita lotteria ed a chi formula le offerte più sostanziose durante asta. Non è ancora noto il numero di targhe a disposizione, né quale sarà la percentuale di targhe eliminate. E’ inoltre previsto un ulteriore provvedimento, che impedisce ai conducenti che guidano un’auto con targa non locale di viaggiare sulla tangenziale la mattina ed il pomeriggio dei giorni lavorativi.

Tianjin è la quarta realtà cinese ad introdurre un sistema tanto restrittivo. A Shanghai è in vigore la nota lotteria, a Pechino si è invece scelto di privilegiare le aste ed a Guangzhou è invece previsto un sistema di tipo misto, che assegna una metà delle targhe ai vincitori della lotteria e l’altra metà a chi formula l’offerta più vantaggiosa.

Ultime notizie su Automobili Cinesi

Tutto su Automobili Cinesi →