Volvo: prime informazioni sulla Scalable Product Architecture

La Volvo XC90 sarà una fra le prime automobili a nascere già intelligente: la piattaforma SPA favorisce infatti l’implementazione di sistemi e tecnologie futuristiche, accogliendo telecamere e sensori radar.


L’XC90 di nuova generazione sarà il primo modello Volvo ad introdurre la piattaforma modulare Scalable Product Architecture (SPA), soluzione tecnica utile per aumentare i già elevati standard di sicurezza a cui il marchio svedese è solito attenersi. La SPA garantirà infatti notevoli miglioramenti tanto nella protezione dei passeggeri quanto nell’implementazione di innovativi sistemi tecnici e tecnologici. Scopriamo ad esempio che l’intero apparato elettrico è concepito per interagire con microprocessori, sensori e videocamere, nell’ambito di una strategia declinata su quattro ambiti (dinamica del veicolo, sicurezza, carrozzeria e sistema di intrattenimento).

Ciò significa che sarà facile introdurre sistemi ancora in divenire, come ad esempio i pretensionatori intelligenti. Questa tecnologia non prescinde dal radar posteriore, che determina una potenziale situazione di pericolo ed invia un messaggio d’allarme ad una sorta di cervellone, che a sua volta interviene per modulare le cinture di sicurezza e cambiare la posizione del sedile. I tecnici del marchio stanno poi lavorando per affinare il sistema di sterzata assistita ed integrarlo con il cruise control adattivo, così da produrre una sorta di pilota automatico. Non va poi sottovalutata l’integrazione con le tecnologie Car2Car e Car2Infrastructure.

A livello tecnico sappiamo che la gabbia destinata alla Volvo XC90 sarà realizzata per il 40% da acciaio al bromo, accorgimento necessario per soddisfare i requisiti imposti dai nuovi crash test senza influire sulla massa.

Ultime notizie su Volvo

La Volvo è stata fondata nel 1927 a Goteborg (Svezia), da Gustav Larson e Assar Gabrielsson, come sussidiaria della SKF, una fabbrica produttrice di cuscinetti [...]

Tutto su Volvo →