Formula 1: Massa saluta il team Ferrari; arriva Raikkonen

Massa saluta la Ferrari (ecco il team radio completo), cedendo il posto a Raikkonen. Alonso vuole e deve vincere; e dal prossimo anno ci sono i V6 turbo…

”]

Col Gran Premio del Brasile si chiude la stagione di Formula 1 2013, dominata da uno straordinario Sebastian Vettel e caratterizzata da una disfatta totale della Ferrari. La Scuderia italiana non ha saputo evolvere l’auto nella giusta direzione, “bucando” di gara in gara le speranze e le aspettative dei tifosi. L’edizione 2013 del GP di Interlagos passerà alla storia anche per essere l’ultima gara di Felipe Massa alla guida di una Rossa. Il pilota brasiliano, con la sua prestazione “casalinga” valsa un 7° posto, ha chiuso la sua esperienza in Ferrari; una storia iniziata nel 2006 e che ha visto l’apice più alto nel 2008, con un Titolo piloti sfumato di un soffio. Vi proponiamo quindi una registrazione del team-radio con cui il pilota di San Paolo saluta e ringrazia tutta la squadra corse di Maranello per le 8 stagioni vissute insieme. Nel 2014 Felipe sarà un pilota della Williams, prendendo il posto di Pastor Maldonado.

Il prossimo sarà un anno importante per tutto il mondo della Formula 1; arriveranno infatti i nuovi motori V6 sovralimentati con cilindrata contenuta a 1.6 litri, che potrebbero sconvolgere gli equilibri delle forze in campo. E sarà una stagione ancora più delicata per la Ferrari, chiamata a riscattare gli insuccessi degli ultimi anni. Per ritornare alla gloria Ferrari si affiderà nuovamente a due veterani della F1: Fernando Alonso, in Ferrari dal 2010 e 2 volte campione del mondo (nel 2005 e nel 2006), e Kimi Raikkonen che con la Ferrari si laureò campione del mondo nel 2007, ultimo anno in cui la Scuderia si è aggiudicata il Titolo Piloti. Nel 2008 i risultati di Kimi (e di Felipe Massa) sono invece valsi alla Ferrari il Titolo Costruttori. Due “prime guide” con una enorme esperienza maturata nel mondo della massima espressione agonistica su quattro ruote. Il ritorno di Kimi Raikkonen “in rosso” ha suscitato una certa emozione da parte di critica e pubblico: il finlandese ha infatti ottenuto buoni risultati nell’annata di F1 appena conclusa, dimostrando di non aver perso quello smalto e quella “cattiveria” che gli sono valsi il nomignolo di “Ice-man”.

L’uomo di ghiaccio dovrà tuttavia vedersela con un “caliente” asturiano, famelico di dimostrare al mondo che, nonostante i 4 mondiali vinti da Vettel (gli ultimi due “a mani basse”), il pilota migliore del Circus è ancora Fernando Alonso. Un’alchimia di elementi che promette di garantire forti emozioni nella F1 del 2014, ma che rischia al contempo di poter mettere in crisi la stessa Scuderia Ferrari: quest’ultima dovrà infatti gestire due campioni del mondo, “due galli nello stesso pollaio”. L’impressione infatti è quella che Raikkonen non sia sceso da una promettente e performante Lotus per fare da spalla ad Alonso. Quest’ultimo, dal canto suo, è perfettamente consapevole che Ferrari non farà “trattamenti di favore” nel 2014 e che, quindi, i due piloti dovranno guadagnarsi il ruolo di “prima guida” sul campo. Uno scontro nello scontro sullo sfondo di una Formula 1 che parla tedesco, quello di Vettel e dalla Red Bull, da 4 anni consecutivi; anni in cui le “lattine volanti” hanno spennato le ali della gloria dei team storici del Circus, ormai ridotti ad opachi riflessi di se stessi e del passato che è stato…

Ultime notizie su Ferrari

Ferrari viene fondata nel 1947 da Enzo Ferrari, giovane pilota modenese per cui le gare e l’adrenalina rappresentano un elemento caratterizzante della vita. La prima gara [...]

Tutto su Ferrari →