BMW, due richiami negli USA: oltre 150.000 esemplari coinvolti

bmw_n54

BMW North America ha annunciato ieri due azioni di richiamo, la prima delle quali indirizzata a modelli prodotti tra il 2007 ed il 2010 ed equipaggiati dal 3.0 sei cilindri biturbo, unità nota con la sigla di progetto N54. I veicoli in questione corrono il rischio di un guasto della pompa benzina ad alta pressione.

Tra i "sintomi" elencati dalla casa tedesca figura l'accensione della dicitura "Service Engine Soon" nel quadro strumenti e -nei casi peggiori- un repentino calo di potenza dovuto all'entrata in funzione della modalità di protezione del propulsore, accompagnata dall'avviso di "Engine Malfunction".

A seconda delle operazioni di manutenzione condotte su ogni singolo veicolo, l'intervento di BMW si tradurrà nella sostituzione della pompa benzina o, in alternativa, in un aggiornamento software. Secondo la casa, le auto coinvolte nell'operazione sono circa 130.000, 40.000 delle quali richiedono sicuramente la sostituzione della pompa benzina menzionata.

L'elenco dei modelli interessati comprende 135i, 335i, 535i, X6 xDrive 35i e l'ultima generazione della Z4, naturalmente nella versione sDrive 35i.

In un'azione separata, BMW ha inoltre annunciato un secondo richiamo, relativo alla pompa benzina a bassa pressione installata sulle BMW X5 dotate di sei cilindri aspirato e prodotte nell'ambito del Model Year 2008. L'inconveniente al centro di questo richiamo è la possibile rottura della pompa benzina in questione, con conseguente arresto del motore e successiva interruzione di funzionamento per servosterzo e servofreno.

Gli esemplari interessati da questa seconda campagna sono complessivamente 20.800. BMW precisa che non si sono verificati infortuni a causa di questi problemi tecnici.

  • shares
  • Mail
91 commenti Aggiorna
Ordina: