L’Audi sbatte contro il guard rail. Colpa (ancora) del navigatore satellitare

Il navigatore satellitare provoca un’altra ‘vittima’: è un’Audi A5, il cui proprietario si distrae e finisce contro uno spartitraffico in cemento, che agisce da trampolino e proietta l’auto ad oltre 4 metri d’altezza.

Il conducente di un’Audi A5 ed il suo passeggero hanno vissuto una brutta avventura nei pressi di Thônex (Svizzera), a poca distanza dal confine fra la Federazione e la Francia. Il sito Tribune de Geneve rivela che l’auto stava procedendo a velocità sostenuta quand’è improvvisamente finita contro uno spartitraffico in cemento. La coupè è stata proiettata a circa 4 metri d’altezza e si è fermatata 70 metri più lontano rispetto al luogo dell’impatto, quasi priva del gruppo ruota posteriore destro. Gli agenti di polizia non hanno dovuto investigare troppo a lungo per ricostruire la dinamica dell’impatto, conclusosi fortunatamente senza conseguenze.

Il conducente ha infatti ammesso di aver perso la concentrazione, intento com’era ad impostare il navigatore satellitare. Stessa giustificazione fornita da Andre Wisdom. Il capitano della nazionale inglese di calcio Under 21 stava infatti seguendo la rotta fornitagli dall’impianto satellitare ed ha quindi trascinato la propria Porsche Panamera all’interno un acquitrino, che l’avrebbe presto inghiottita fin quasi all’altezza dei vetri laterali. L’automobile è stata poi recuperata grazie ad un fuoristrada e pare essersi rimessa in funzione, dopo aver tossicchiato un po’.

Ultime notizie su General

General

Tutto su General →