Nissan Qashqai 2014: il crossover in video

Ieri vi abbiamo mostrato le foto e le informazioni ufficiali sulla nuova Nissan Qashqai. Oggi vi mostriamo il crossover giapponese nel video diffuso dalla casa costruttrice. L’auto sarà disponibile dal 2014 con tante novità rispetto al modello precedente.

Come abbiamo visto la prima differenza rispetto alla versione uscente della Nissan Qashqai sono le sue dimensioni. L’edizione 2014 è infatti di 4,9 cm più lunga per un totale di 4,38 metri. E’ anche leggermente più bassa e più larga, con misure rispettivamente di 1,60 ed 1,80 metri. Il cofano a conchiglia resta nonostante le novità stilistiche.

Il design della Nissan Qashqai può essere arricchito con cerchi in lega da 19” e sfoggia luci a LED, che sulla top di gamma diventano full-LED. Il sistema Active Grille Shutter migliora l’aerodinamica e l’efficienza dei motori, che inizialmente saranno quattro: 1.2 DIG-T da 115 cv di potenza e 119 Nm di coppia massima; 1.6 DIG-T da 150 cv e 240 Nm; 1.5 ed 1.6 dCi rispettivamente da 110 e 130 cv di potenza. I diesel sono particolarmente parsimoniosi, rispettivamente di 3,8 litri per 100 km e 4,4 litri per 100 km. L’1.6 può essere abbinato alla trazione integrale All Mode 4×4.

La sicurezza resta sempre un elemento importante per Nissan con sistemi come Nissan Safety Shield e Vehicle Dynamic Control. La dotazione tecnologica dell’auto comprende anche il Nissan Connect, dispositivo che permette di interagire con l’infotainment e con le app, di ascoltare la radio e di programmare il navigatore con Google Send to Car. E’ dotato di uno schermo da 7”.

Di seguito tutti i dettagli e le novità della nuova Nissan Qashqai 2014.



Nissan Qashqai: immagini ed informazioni


La Nissan Qashqai di nuova generazione sarà in commercio a partire da gennaio 2014 e rimpiazza quello che l’azienda giapponese ritiene il crossover per eccellenza, venduto dal 2007 in oltre 2 milioni di esemplari. Misura 4.9 centimetri in più (4.38 metri totali) e si rivela leggermente più bassa (- 1 centimetro ad 1.60 metri) e larga (+ 2 centimetri ad 1.80 metri) della generazione odierna, pur mantenendo dimensioni compatte ed una posizione di guida rialzata. Introduce gli elementi del nuovo corso stilistico e non abbandona la soluzione del cofano a conchiglia, ma le novità di carattere estetico raccolgono se possibile minor attenzione rispetto agli accorgimenti legati a sicurezza, trazione e dinamica di guida.

L’acquirente potrà ad esempio contare sul Nissan Safety Shield, che l’azienda descrive come uno ‘scudo di sicurezza’ destinato a proteggere gli occupanti. E’ pertanto composto dal sistema anticollisione frontale, dal sistema per rilevare colpi di sonno, dal riconoscimento della segnaletica stradale, dall’avviso di cambio corsia involontario, dal sistema per la copertura degli angoli ciechi, dal sistema che allerta qualora vi sia un oggetto in movimento e dalla regolazione automatica degli abbaglianti. E’ inoltre previsto il sistema di assistenza al parcheggio, mentre il VDC (Vehicle Dynamic Control) simula le funzionalità di un differenziale autobloccante e corregge le perdite di aderenza. E’ previsto anche il nuovo NissanConnect, tramite il quale sarà possibile interagire con numerose app, ascoltare la radio DAB ed utilizzare il servizio Google Send to Car per pianificare gli itinerari da casa. Lo schermo è da 7 pollici.

Il quadro strumenti è invece sostituito da un pannello TFT con diagonale di 5 pollici, personalizzabile con i colori della carrozzeria e strumento utile per leggere i parametri di viaggio e le segnalazioni utili. La Nissan Qashqai può essere equipaggiata con cerchi in lega ampi fino a 19 pollici, garantisce 15 millimetri in più di spazio sopra la testa e adotta di serie luci diurne a LED, mentre sulle versioni top di gamma i proiettori diventano full-LED. I tecnici Nissan hanno poi riservato particolari attenzioni alla componente aerodinamica. Il Cx è infatti pari ad 0.32, mentre l’Active Grille Shutter chiude in automatico la griglia radiatore quando la velocità è superiore a 30 km/h e la riapre non appena i sensori rilevano la necessità di raffreddare il motore. Questo dispositivo è standard sui modelli diesel con trasmissione manuale.

Il vano bagagli misura 430 litri e si rivela più capiente di 20 litri rispetto al modello uscente. Debutta poi il doppio pianale, configurabile in 16 schemi, che massimizza il volume o crea una superficie piana con i sedili posteriori piegati. La cappelliera è a scomparsa. La gamma motori sarà inizialmente composta da 4 unità. il 1.2 DIG-T sviluppa 115 CV/190 Nm, consuma 5.6 litri di benzina ogni 100 chilometri ed emette 129 grammi di CO2 al chilometro. Il 1.6 DIG-T eroga invece 150 CV/240 Nm, richiede anch’esso 5.6 l/100 km e produce 132 g/km di CO2. Gli amanti del gasolio potranno invece orientarsi sui 1.5 dCi e 1.6 dCi. Il primo – sottoposto a radicali modifiche – garantisce 110 CV e consuma appena 3.8 l/100 km, il 36% in meno del predecessore.

Il 1.6 dCi produce 130 CV e viene abbinato alla trazione integrale ALL MODE 4×4. I suoi valori oscillano così fra i 4.4 l/100 km (115 g/km) quando in versione 2 ruote motrici ed i 4.6 l/100 km (119 g/km) quando in versione 4WD, fino ai 4.9 l/100 km (129 g/km) della variante 2WD con trasmissione automatica. Quest’ultima si chiama Xtronic, è del tipo CVT e viene offerta solo in abbinamento alla 1.6 dCi con trazione anteriore. Le sospensioni anteriori sono MacPherson, mentre la geometria posteriore è a ruote interconnesse sulle 2WD e multilink sulle 4WD. Gli ammortizzatori sono invece a doppio pistone, il servosterzo elettrico e regolabili su due modalità (Normal e Sport). Il sistema ALL MODE 4×4.

Ultime notizie su Video

I video più interessanti e divertenti del mondo auto: i video ufficiali dai costruttori, le nostre prove su strade, i video amatoriali divertenti da condividere, ecco un modo per scoprire il mondo delle quattro ruote a 360 gradi!

Tutto su Video →