Un'auto per l'Estate: Mini Moke


Concludiamo la serie "Un'auto per l'Estate" con la Mini Moke, la spiaggina più longeva di sempre che fu introdotta sul mercato nel 1964. L'auto nacque inizialmente per usi militari, ma fu bocciata dall'esercito inglese che la ritenne poco adatta. BMC però credette nel progetto di Alec Issigonis che sfruttò la meccanica della Mini e dette vita alla Morris Moke. I primi 15.000 esemplari della Moke furono prodotti in Gran Bretagna, nell'impianto di Longbridge. Tuttavia, la Mini Moke si rivelò un flop sul mercato britannico, dove furono vendute solo 1.500 unità.

Nel '68 la produzione fu trasferita in Australia nel locale impianto Leyland. L'auto fu ribattezzata Californian e venne assemblata in circa 26.000 esemplari fino al 1980, quando la produzione della Mini Moke fu trasferita all'impianto Rover in Portogallo. Qui furono prodotte altre 10.000 Moke, prima che la Casa inglese cedesse i diritti di produzione della vettura all'imprenditore italiano Claudio Castiglioni. Infatti, le ultime 1.500 Mini Moke furono prodotte nell'impianto Cagiva e l'auto uscì definitivamente di scena verso la fine del '95.

La Mini Moke era equipaggiata con il motore 1.0 a quattro cilindri da 39 CV di potenza che, in abbinamento al cambio meccanico a 4 marce, spingeva la vettura fino a 112 km/h di velocità massima. La stretta parentela tra la spiaggina e la Mini era evidenziata dall'identico passo di 204 cm, ma la Moke risultava più grande e più pesante, in quanto lunga 327 cm e larga 144 cm, mentre la massa si aggirava sui 670 kg. La Mini Moke sorprendeva per la carrozzeria totalmente aperta, mentre l'abitacolo era configurato per quattro posti.

Mini Beachcomber concept
Mini Beachcomber concept
Mini Beachcomber concept
Mini Beachcomber concept

Mini Beachcomber concept
Mini Beachcomber concept
Mini Beachcomber concept
Mini Beachcomber concept

Per quanto riguarda le quotazioni, un esemplare di Mini Moke può valere tra i 4.400 euro e i 15.000 euro. Tra i siti di annunci, abbiamo scovato 6 esemplari in vendita su "eBay" e ben 16 Mini Moke su "Subito.it". Tra le varie spieggine prodotte in passato, la Mini Moke è forse l'unica che avrà un'erede. Infatti, BMW potrebbe utilizzare il nome Moke per identificare la versione di serie della concept Mini Beachcomber. Tuttavia, i diritti sulla denominazione Moke sono stati rilevati l'anno scorso da Domenico Reviglio, patron di Keplero.

Sempre nel 2009, l'originale Moke doveva tornare in produzione per una serie limitata dedicata ai 50 anni di Mini. La commercializzazione in Italia della vettura sarebbe stata gestita dalla società UK Garage, specializzata nell'importazione e vendita di auto esotiche nel nostro Paese. Però, nel catalogo della società italiana non c'è traccia della Mini Moke. Quindi, gli estimatori della spiaggina inglese dovranno attendere la nuova Mini Moke, il cui debutto è previsto per il 2013.

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: