Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic: la nostra prova su strada

Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic

Per stabilire i nuovi confini del suo impero alfanumerico Audi ha impiegato appena sette mesi. Con la solita efficacia nello spostare mezzi e risorse, chiamare in causa strateghi di lungo corso - reclutati anche fra le fila del nemico - ed organizzare campagne di conquista su terreni mai battuti. E così il costruttore tedesco ha aggiornato la sua gamma prodotti presentando a dicembre 2009 l’ammiraglia A8 ed a giugno 2010 la compatta A1. Impresa possibile solo rispettando l’ormai noto piano di battaglia: corpo vettura disegnato ispirandosi ad un family-feeling durevole ed apprezzato, pacchetto moto-propulsore di assoluto livello, riferimento all’esclusività del marchio come valore di emotività. Proprio le A8 (di cui vi proporremo la prova nei prossimi giorni) ed A1 ci hanno accompagnato fra Verona e Monaco di Baviera, lungo un viaggio di oltre 1.000 chilometri per valutare quanto l’influenza dello stile Audi sia trasversale ed immune alle compartimentazioni fra segmenti.

Se queste sono le premesse allora la A1 è indirizzata verso un successo replicabile come una formula matematica? Si e no. “Si” perché l’auto piace, ha un motore godibile ed un marchio applicato sulla calandra che richiama più della vettura stessa; “no” perché la concorrenza è variegata ed i prezzi sono da segmento superiore. Esempio: la A1 da noi provata, con motore 1.4 TFSI, cambio S-Tronic, allestimento Ambition con pacchetto S-Line, cerchi in lega da 17 pollici, vernice perlata, climatizzatore automatico, Xenon Plus e Media Style (impianto multimediale con schermo a centro plancia e comandi al volante) è proposta a quasi 29.000 euro. Certo, non manca nulla, ma i 23.050 euro della versione “base” sono tutto fuorché invitanti. Anche perché spendendo meno si ha comunque la possibilità di orientarsi verso due segmento B di carattere e personalità: la Citroen DS3 1.6 THP (155 CV, 19.670 euro) e l’Alfa Romeo MiTo Quadrifoglio Verde (170 CV, 21.500 euro). Entrambe sono tuttavia prive di una trasmissione raffinata come l’S-Tronic, che rappresenta il vero differenziale di prezzo - quantificabile in circa 1.500 euro.

Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic
Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic
Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic
Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic

Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic
Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic
Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic
Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic

COPPIA DI FATTO. E DI FATTI…


L’Audi A1 1.4 TFSI dispone del quattro cilindri sovralimentato in versione da 122 cavalli e 200Nm di coppia, abbinato al cambio doppia frizione S-Tronic che permette di accelerare da 0 a 100 km/h in 8,9 secondi consumando nel ciclo misto 5,3 litri di benzina ogni 100 chilometri (valori dichiarati). L’unione fra questi due gioiellini conferisce alla compatta una moltitudine di sfaccettature, subordinate all’andamento del piede destro: cambi di marcia dolci e risposta al gas meno repentina quando si guida in surplace, scoppiettii in rilascio e maggior prontezza nel caso l’acceleratore venga maltrattato; oltre, ovviamente, all’intero spettro di comportamenti intermedi. Il 1.4 TFSI si conferma motore rotondo e lineare, non sportivo - al di sopra dei 6.000 manca di coppia - ma godibile e con tanti Nm sempre a disposizione. Su strada la A1 perde un po’ della sportività promessa: è intuitiva, facile da condurre e il differenziale anteriore elettronico permette di affrontare le curve alla garibaldina, ma lo sterzo e l’impianto frenante hanno tarature votate al confort con comandi poco immediati.

Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic
Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic
Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic
Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic

LO SPAZIO INTERNO? SOLO DAVANTI


Il particolare andamento del padiglione ed i montanti C piuttosto avanzati limitano lo spazio posteriore, sufficiente per due occupanti di altezza media. La conformazione del divanetto, sagomato come fosse da vettura +2 - al centro vi sono dei porta bevande incassati -, ha inoltre obbligato ad omologare la macchina per quattro passeggeri. Ottima invece la volumetria della parte anteriore: due persone con corporatura “over-size” possono usufruire di centimetri utili sia in altezza che in larghezza, senza urtare gomiti o spalle. Le numerose regolazioni per sedili e volante (altezza e profondità) permettono di creare posizioni di guida adatte ad ogni esigenza. Rispetto alla Polo da cui eredita la base meccanica, l’Audi A1 si rivela più corta di 2 centimetri (395 cm contro 397), più bassa di 4 (142 cm contro 146) e più larga di 6 (174 cm contro 168) con un bagagliaio (270 litri) regolare e ben sfruttabile grazie al vano piatto. Da sottolineare la cura dedicata agli assemblaggi ed ai materiali interni, anche se non manca qualche sbavatura: le plastiche utilizzate per i pannelli porta e le alette parasole sono rigide al tatto e di aspetto povero.

Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic
Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic
Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic
Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic

I PREZZI


L’Audi A1 non è una vettura a buon mercato, nemmeno nella sua versione d’accesso con motore 1.2 TFSI Attraction da 86 CV e cambio manuale proposta a 16.700 euro con una dotazione completa (8 airbag, ESP) ma non priva di lacune: di serie sono offerti i cerchi da 15 pollici ed il climatizzatore manuale si paga a parte. Detto della 1.4 TFSI, è poi disponibile in versione Attraction (20.951 euro) o Ambition (22.200 euro) la 1.6 TDI con motore a gasolio da 1.6 litri e 105 CV. La compatta tedesca debutterà nelle concessionarie a partire da settembre.

Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic
Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic
Audi A1 1.4 TFSI S-Tronic

  • shares
  • Mail
151 commenti Aggiorna
Ordina: