Pubblicità comparativa Lexus: "There’s NO JOY, NO PROGRESS, NO ELEGANCE, in paying extra for what should come standard"


Un costruttore giapponese sfida nuovamente i colossi tedeschi: dopo Nissan, è Lexus (la sua divisione Sudafricana) a prendere di mira Audi, BMW e Mercedes. Lo sfottò del marchio di lusso Toyota evidenzia la scarsezza di dotazioni di serie delle auto premium teutoniche rispetto alla produzione Lexus. La casa nipponica ha infatti composto uno slogan pungente farcito con molte espressioni usate dai costruttori tedeschi per pubblicizzare le proprie vetture: “There’s NO JOY, NO PROGRESS, NO ELEGANCE, in paying extra for what should come standard” (Non c’è gioia, né progresso, né eleganza nel pagare in più ciò che dovrebbe essere standard). Le parole in maiuscolo sono state adoperate a più riprese per promuovere rispettivamente le auto BMW, in particolare l’ultima Z4; Audi, col famoso “Progress is beautiful” e Mercedes,che fa dell’eleganza un cavallo di battaglia fin dalla data di fondazione. Il tutto è rafforzato da schemi esplicativi che simboleggiano i loghi delle "imputate", ognuna delle quali fa pagare come extra accessori che su Lexus sono standard. Pubblicità brillante e veritiera: per una volta siamo totalmente d'accordo.

Lexus IS Model Year 2011
Lexus IS Model Year 2011
Lexus IS Model Year 2011
Lexus IS Model Year 2011

Via | Lexus.co.za

  • shares
  • Mail
54 commenti Aggiorna
Ordina: