Fiat, via libera allo spin-off: nasce Fiat Industrial S.p.A.

spin_off_fiat_auto La notizia è stata ufficializzata in mattinata: Fiat separerà il settore auto dalle altre attività societarie. Il famoso "spin-off", da cui prenderà vita la nuova Fiat Industrial S.p.A., scissa dalle attività automotive, sta dunque prendendo forma. Secondo quanto comunicato dalla casa, "il consiglio d'amministrazione ha approvato la scissione parziale proporzionale con cui Fiat intende trasferire ad una società di nuova costituzione, Fiat Industrial S.p.A., alcuni elementi dell'attivo (prevalentemente partecipazioni) relativi ai business dei veicoli industriali, motori "industrial&marine", macchine agricole e costruzioni, oltre a debiti finanziari".

Tutto questo "pacchetto", detta in parole povere, verrà staccato dalle attività automobilistiche (compresa la produzione di componentistica). A Fiat Group Automobiles rimarranno dunque in mano i quattro marchi Fiat, Lancia, Alfa Romeo e Abarth, oltre a Ferrari e Maserati, Fiat Powertrain, Magneti Marelli, Teksid e Comau. Ma quando avverrà questa storica separazione? Fiat non ha fornito date precise sul momento dello scorporo, ma si presume che il nuovo assetto societario entrerà in vigore il 1° gennaio 2011. Da allora, come comunicato da Torino, "le azioni di Fiat Industrial saranno assegnate agli azionisti sulla base di un rapporto uno a uno", le due società saranno quotate indipendentemente a Piazza Affari e saranno gestite separatamente, ognuna da un proprio cda specifico.

Chiariti il "quando" e il "come" dell'operazione, Fiat ci spiega anche il "perché" di questa scelta, meditata per parecchio tempo: lo spin-off risponde secondo la casa ad una necessità di "chiarezza strategica e finanziaria" dell'uno e dell'altro ramo del business, e la reciproca indipendenza permetterà alle due nuove società di sviluppare in maniera più efficace le proprie attività.

Ma torniamo in conclusione ad approfondire quanto succederà sui mercati finanziari: in concomitanza con lo scorporo, Fiat ridurrà il proprio patrimonio netto di 3.750.346.053 euro. L'operazione però, non sarà effettuata tramite una cancellazione parziale delle azioni attualmente sul mercato, ma attraverso una riduzione del valore nominale delle medesime.

La quantità e le categorie di azioni di Fiat Industrial replicheranno esattamente i corrispondenti valori di Fiat. I titoli Industrial saranno proposti ad un valore nominale di 1,50 euro.

Secondo quanto riportato da Bloomberg infine, Fiat ha aggiunto che per completare l'operazione di spin-off riceverà complessivamente 4 miliardi di euro di prestiti da vari soggetti finanziari.

I fondi, che arriveranno prima della fine dell'anno nelle casse della casa, contribuiranno a ripagare l'operazione di intercompany financing nei confronti della nuova Fiat Industrial e saranno erogati da Barclays, BNP Paribas, Credit Agricole, Intesa SanPaolo, Société Générale, RBS, Citigroup e UniCredit.

  • shares
  • Mail
54 commenti Aggiorna
Ordina: